Skip to content

L'efficacia del giudicato verso i rapporti dipendenti: dato legislativo, analisi dottrinale e giurisprudenziale

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Schiavon
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze giuridiche
  Relatore: Marino Marinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53



Oggetto dell’elaborato sarà la problematica dell’efficacia del giudicato sostanziale verso una particolare tipologia di rapporti giuridici: i rapporti dipendenti in modo permanente od istantaneo dal rapporto c.d. pregiudiziale o condizionante che sia stato oggetto di un processo e, sul cui accertamento, si sia venuta a consolidare la cosa giudicata materiale.
Può tale giudicato spiegare i propri effetti anche nei confronti dei soggetti titolari di tali rapporti dipendenti che, non avendo partecipato al processo, si configurano come terzi rispetto allo stesso, alla sentenza ed all’accertamento incontrovertibile in essa contenuto?
E se sì, a quale tipologia di rapporti dipendenti? Solo a quelli legati da un vincolo di tipo permanente con il rapporto giuridico principale o anche verso quelli legati da un vincolo che si presenta, secondo recenti ricostruzioni dottrinali, come istantaneo?
Non è facile dare conto di tali quesiti e, dunque, per potere trovare una risposta plausibile in grado di connettersi, senza porsi in contrasto con i seppur scarsi dati normativi in materia, con lo stato del diritto positivo, appare opportuno:

• in primo luogo, considerare i concetti chiave per accedere ad un primo livello di comprensione della tematica, gli articoli del Codice civile e di Procedura Civile che vengono in rilevo (artt. 2909, 1595 C.c., 404 ,105 C.p.c.) ed anche, visto la notevole importanza della materia e le implicazioni che essa porta, il testo costituzionale nell’affermazione dell’inviolabilità del diritto di difesa di cui all’art. 24 Cost.:”Tutti possono agire in giudizio a difesa dei propri diritti e interessi legittimi.La difesa è un diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.”;
• in secondo luogo, compiere un’analisi critica di quelle che sono le varie teorie presentatesi in Dottrina così passando da quella tradizionale fermamente legata al dettato legislativo dell’Art. 2909 C.c. sostenuta tra gli altri da Attardi; a quella dei c.d. effetti riflessi; passando per la tendenza della c.d. dipendenza ad effetti permanenti o dipendenza civilistica e, infine per l’enunciazione della teoria del Liebman sulla c.d. efficacia naturale delle sentenze.
• In terzo luogo considerare come la Giurisprudenza degli ultimi anni si è posta di fronte ad una questione che, se si parte dall’assunto secondo il quale il Diritto va considerato nel suo “svolgersi” quotidiano come sosteneva, mutatis mutandis, il Calamandrei, non riveste un’importanza meramente teorica.

Salvo per quanto riguarda l’aspetto strettamente positivo dell’enunciazione dei vari articoli che verranno in rilievo, l’analisi che si cercherà di portare avanti, non sarà proposta in modo neutrale bensì sarà “accompagnata“ dai commenti di chi scrive.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO I Introduzione SOMMARIO: 1.1. Oggetto dell’elaborato. – 1.2. Definizione di giudicato sostanziale e dei suoi limiti soggettivi. – 1.3. Art. 2909 C.c. come enunciazione del principio dell’efficacia del giudicato limitata “inter partes”. – 1. 4. I rapporti dipendenti: Art. 1595, 3° comma C.c.: ipotesi di estensione ex lege. 1.1 Oggetto dell’elaborato Oggetto dell’elaborato sarà la problematica dell’efficacia del giudicato sostanziale verso una particolare tipologia di rapporti giuridici: i rapporti dipendenti in modo permanente od istantaneo dal rapporto c.d. pregiudiziale o condizionante che sia stato oggetto di un processo e, sul cui accertamento, si sia venuta a consolidare la cosa giudicata materiale. Può tale giudicato spiegare i propri effetti anche nei confronti dei soggetti titolari di tali rapporti dipendenti che, non avendo partecipato al processo, si configurano come terzi rispetto allo stesso, alla sentenza ed all’accertamento incontrovertibile in essa contenuto? E se sì, a quale tipologia di rapporti dipendenti? Solo a quelli legati da un vincolo di tipo permanente con il rapporto giuridico principale o anche verso quelli legati da un vincolo che si presenta, secondo recenti ricostruzioni dottrinali, come istantaneo? Non è facile dare conto di tali quesiti e, dunque, per potere trovare una risposta plausibile in grado di connettersi, senza porsi in contrasto con i seppur scarsi dati normativi in materia, con lo stato del diritto positivo, appare opportuno: • in primo luogo, considerare i concetti chiave per accedere ad un primo livello di comprensione della tematica, gli articoli del Codice civile e di Procedura Civile che vengono in rilevo (artt. 2909, 1595 C.c., 404 ,105 C.p.c.) ed anche, visto la notevole importanza della materia e le implicazioni che essa porta, il testo costituzionale nell’affermazione dell’inviolabilità del diritto di difesa di cui all’art. 24 Cost.:”Tutti possono agire in giudizio a difesa dei propri diritti e interessi legittimi.La difesa è un diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento.”; • in secondo luogo, compiere un’analisi critica di quelle che sono le varie teorie presentatesi in Dottrina così passando da quella tradizionale fermamente legata al dettato legislativo dell’Art. 2909 C.c. sostenuta tra gli altri da Attardi; a quella dei c.d. effetti riflessi; passando

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cassazione
dipendenza istantanea
effetti
effetti delle sentenze
effetti permanenti
effetti riflessi
efficacia del giudicato
efficacia naturale delle sentenze
giudicato
procedura civile
rapporti dipendenti
sentenza
subcontratto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi