Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il potere normativo delle autorità indipendenti

Lo sviluppo socio-economico degli ultimi decenni ha evidenziato la presenza di aree di intervento la cui complessità e articolazione ha richiesto, e ancora postula, la costituzione di organismi dotati di specifiche competenze e poteri. Di qui il nascere e il proliferare di diverse Autorità connotate dall'essere indipendenti dai poteri tradizionali - segnatamente quello esecutivo - sebbene fornite di strumenti di intervento assai penetranti (si pensi all'Antitrust o alla Consob). Nella tesi si affronta in modo specifico la tipologia di poteri di cui sono dotate tali Autorità evidenziandone la collocazione, spesso problematica, nell'ambito della gerarchia delle fonti del nostro ordinamento.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Capitolo I: Le Autorità indipendenti nell’ordinamento italiano. 1. Genesi e diffusione delle autorità indipendenti nel nostro ordinamento. Con la legge 216/1974, che istituì la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, si è dato vita alla prima di quelle che poi sarebbero state indicate come Autorità indipendenti 1 , con lo scopo precipuo di presidiare settori ritenuti cruciali. Ad esser più precisi, già con la trasformazione della Banca d’Italia ci si era incamminati sulla strada della costituzione di soggetti che risultano connotati dai caratteri dell’autonomia e dell’indipendenza. E’ a partire dal famoso “divorzio” 1 Per un quadro relativo alle problematiche generali concernenti le Autorità indipendenti si vedano, tra gli altri: V. Cerulli Irelli, Corso di diritto amministrativo, Torino, 1997, 223 ss.; ID. Premesse problematiche allo studio delle "amministrazioni indipendenti", in, F. Bassi- F. Merusi (a cura di), Mercati e amministrazioni indipendenti, Milano, 1993, 21 ss.; C. Franchini, Le Autorità amministrative indipendenti, in Riv. Trim. dir. Pubbl., 1988, n.3, 550 ss.; F. Severo Severi, Amministrazioni indipendenti, Agenzie, Autorità: nuove (o vecchie) formule organizzative per la Pubblica Amministrazione, in Le Autorità amministrative indipendenti. Aspetti problematici, a cura di F. Severo Severi, Collana di Quaderni Giuffrè editore, n. 12, Milano, 1998, 107 ss.; G. Amato, Autorità semi-indipendenti ed Autorità di garanzia, in Riv. Trim. di Dir. Pubbl. ,1997, 645 ss.; A. Predieri, L'erompere delle Autorità amministrative indipendenti, Firenze, 1997.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Paolo Tomaselli Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3515 click dal 27/11/2007.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.