Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Turismo e sfruttamento nel dopo Tsunami

Il maremoto che ha colpito l'Oceano Indiano è la prima catastrofe globalizzata; lo si capisce già dal nome con cui i media lo hanno battezzato, tsunami, una parola giapponese, forse la più adatta, ma sconosciuta ai più fino ad un anno fa. Catastrofe globalizzata, in quanto per la prima volta in un'area geografica sono state coinvolte non solo le popolazioni locali (e già questo, visto che l'area colpita è tutto il sud est asiatico, ne farebbe un fenomeno quasi unico), ma anche uomini e donne di decine di altre nazionalità. Perché? Perché nell'era della globalizzazione e del turismo di massa, quelle aree sono meta di milioni di turisti occidentali che vi si recano per i più svariati motivi, dall'evasione esotica a quella sessuale, dalla ricerca del paradiso perduto al viaggio mistico.
Tutto ciò ha fatto sì che per la prima volta nella storia di questo pianeta una catastrofe locale sia divenuta globale.
Obiettivo di questo lavoro sarà analizzare proprio l’influenza di questa tragedia in uno dei paesi asiatici più colpiti: la Thailandia, che vive prevalentemente di turismo e nota anche come una delle capitali del sesso mondiale.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il maremoto che ha colpito l'Oceano Indiano è la prima catastrofe globalizzata; lo si capisce già dal nome con cui i media lo hanno battezzato, tsunami, una parola giapponese, forse la più adatta, ma sconosciuta ai più fino ad un anno fa. Catastrofe globalizzata, in quanto per la prima volta in un'area geografica sono state coinvolte non solo le popolazioni locali (e già questo, visto che l'area colpita è tutto il sud est asiatico, ne farebbe un fenomeno quasi unico), ma anche uomini e donne di decine di altre nazionalità. Perché? Perché nell'era della globalizzazione e del turismo di massa, quelle aree sono meta di milioni di turisti occidentali che vi si recano per i più svariati motivi, dall'evasione esotica a quella sessuale, dalla ricerca del paradiso perduto al viaggio mistico. Tutto ciò ha fatto sì che per la prima volta nella storia di questo pianeta una catastrofe locale sia divenuta globale. Obiettivo di questo lavoro sarà analizzare proprio l’influenza di questa tragedia in uno dei paesi asiatici più colpiti: la Thailandia, che vive prevalentemente di turismo e nota anche come una delle capitali del sesso mondiale. Per fare ciò sarà doveroso iniziare con un incipit sul turismo sessuale in generale, prima ancora che sul turismo, perché questa è proprio la piaga più grossa per questi paesi, un fenomeno estremamente negativo che si sta annidando all’interno del sistema economico rappresentato dal comparto turistico. Sarà poi analizzato il caso specifico della Thailandia, una tra le mete più ambite del turismo sessuale pedofilo. Il paese ha conosciuto negli ultimi venti anni un processo di industrializzazione intenso e rapido, ma presenta ancora due volti contrastanti, quello della tradizione rurale antica, della povertà e dell’arretratezza da una parte e quello del mondo urbano e dell’occidentalizzazione attorno alla capitale, Bangkok; dall’altra.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Claudia Pau Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1881 click dal 26/11/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.