Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi di sistemi biometrici per il riconoscimento di identità attraverso tonalità, velocità e timbrica vocale

Speaker Recognition o Speaker Verification/Authentication è il termine usato per indicare il processo di identificazione di un dato soggetto che parla tra un numero di persone precedentemente registrate, attraverso la sua “impronta vocale”. L’impronta vocale consiste di una serie di caratteristiche che per supposizione sono uniche per il dato speaker.
E’ importante non confondere lo speaker recognition, che ci dice chi ha parlato, con lo speech recognition, che stabilisce, invece, cosa è stato detto.
Vi sono due tipi di speaker recognition: basato sul testo (text based) e indipendente dal testo (text indipendent). Nel primo, la persona è identificata con una parola di un testo precedentemente fissato, mentre nel secondo il soggetto può dire qualsiasi cosa.
Lo Speaker Recognition ha svariate applicazioni, le più importanti sono nell’ambito della sicurezza. Un’impronta vocale, come un’impronta digitale, può essere usata per verificare l’identità di un utente invece di digitare una password. L’impronta vocale è migliore rispetto ad una password, perché essa non può essere riprodotta. Infatti, la voce è una delle caratteristiche personali che vengono comunemente chiamate “Biometriche”.
I sistemi biometrici sono dispositivi automatici per la verifica di identità, o identificazione di una persona, sulla base di caratteristiche biologiche; queste caratteristiche possono essere di varia natura e sono generalmente suddivise, come riportato nella figura seguente, in fisiologiche (impronta digitale, volto, mano, retina, iride, ...) e comportamentali (voce, calligrafia, stile di battitura, etc ). Come è facilmente intuibile, i sistemi basati su caratteristiche fisiologiche sono generalmente più affidabili di quelli basati su caratteristiche comportamentali, tuttavia questi ultimi possono risultare a volte più semplici da integrare in alcune specifiche applicazioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Speaker Recognition o Speaker Verification/Authentication è il termine usato per indicare il processo di identificazione di un dato soggetto che parla tra un numero di persone precedentemente registrate, attraverso la sua “impronta vocale”. L’impronta vocale consiste di una serie di caratteristiche che per supposizione sono uniche per il dato speaker. E’ importante non confondere lo speaker recognition, che ci dice chi ha parlato, con lo speech recognition, che stabilisce, invece, cosa è stato detto. Vi sono due tipi di speaker recognition: basato sul testo (text based) e indipendente dal testo (text indipendent). Nel primo, la persona è identificata con una parola di un testo precedentemente fissato, mentre nel secondo il soggetto può dire qualsiasi cosa. Lo Speaker Recognition ha svariate applicazioni, le più importanti sono nell’ambito della sicurezza. Un’impronta vocale, come un’impronta digitale, può essere usata per verificare l’identità di un utente invece di digitare una password. L’impronta vocale è migliore rispetto ad una password, perché essa non può essere riprodotta. Infatti, la voce è una delle caratteristiche personali che vengono comunemente chiamate “Biometriche”. 1. BIOMETRIA 1.1 Storia Per migliaia di anni gli uomini hanno istintivamente utilizzato alcune caratteristiche fisiche (come il volto, la voce, il portamento ecc.) per riconoscersi gli uni con gli altri. Circa a metà dell’800, A. Bertillon, capo della sezione - 5 -

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Michele Sorbello Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2923 click dal 26/11/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.