Skip to content

Il rischio operativo informatico nel nuovo accordo di Basilea (Basilea2)

Informazioni tesi

  Autore: Gennaro Cassiani
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Antonio Ricciardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 265

L’attività creditizia e finanziaria si contraddistingue da sempre per la complessità dei rischi che vi risultano strettamente connessi.
L’impresa bancaria è chiamata quotidianamente ad assumere e a gestire rischi di credito, di mercato e operativi, che sono frutto delle transazioni e dei rapporti che la banca instaura con la clientela e con gli altri protagonisti del settore creditizio e finanziario, e che possono essere fronteggiati e/o mitigati ricorrendo ad attente strategie e politiche di monitoraggio e contenimento del rischio.
L’obbiettivo principale che il Comitato di Basilea si è prefissato è quello di regolamentare e standardizzare la gestione dei rischi sui capitali delle aziende bancarie, ossia imporre alle banche una gestione ben definita del loro business in modo da rendere più improbabile il collasso di una di queste e di conseguenza evitare i gravi danni che potrebbero derivarne all’intera economia.
Il lavoro del Comitato ha dato i suoi primi frutti a partire dal 1988, anno in cui è stato emanato il testo del primo Accordo di Basilea (Basilea1), da subito applicato nei Paesi del G10, il quale ha poi riscosso un notevole successo diventando un documento osservato a livello internazionale.
Dalla data di pubblicazione del primo Accordo si sono susseguite diverse modifiche e aggiustamenti, ma solo dal 2000 il Comitato ha iniziato a lavorare alla stesura di una nuova versione dell’Accordo.
Il Nuovo Accordo di Basilea (Basilea2), prodotto nella sua prima bozza nel gennaio del 2001 e pubblicato nella sua veste definitiva nel giugno del 2004.
Con il Nuovo Accordo di Basilea, quindi, si introduce una nuova categoria di rischio a fronte del quale sarà necessario accantonare una quota di patrimonio ad hoc non prevista nell’Accordo del 1988.
Il rischio operativo viene definito come il rischio di perdite derivanti da errori o malfunzionamenti di processi o sistemi, da comportamenti non corretti o da eventi esterni.
Si tratta quindi di un rischio non legato alla peculiarità bancaria ma, in generale, concernente qualsiasi tipo di attività di business, in quanto si riferisce alla possibilità che fattori interni o esterni possano determinare eventi che abbiano un impatto dannoso sul conto economico dell’azienda.
Quindi il rischio operativo, nelle sue diverse manifestazioni, comprende i rischi collegati alla sicurezza del patrimonio informatico (sia fisico che logico). Ed è proprio su questo aspetto che il presente lavoro si concentra trattando, appunto, il rischio operativo informatico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 Introduzione L’attività creditizia e finanziaria si contraddistingue da sempre per la complessità dei rischi che vi risultano strettamente connessi. L’impresa bancaria è chiamata quotidianamente ad assumere e a gestire rischi di credito, di mercato e operativi, che sono frutto delle transazioni e dei rapporti che la banca instaura con la clientela e con gli altri protagonisti del settore creditizio e finanziario, e che possono essere fronteggiati e/o mitigati ricorrendo ad attente strategie e politiche di monitoraggio e contenimento del rischio. L’obbiettivo principale che il Comitato di Basilea si è prefissato è quello di regolamentare e standardizzare la gestione dei rischi sui capitali delle aziende bancarie, ossia imporre alle banche una gestione ben definita del loro business in modo da rendere più improbabile il collasso di una di queste e di conseguenza evitare i gravi danni che potrebbero derivarne all’intera economia. Il lavoro del Comitato ha dato i suoi primi frutti a partire dal 1988, anno in cui è stato emanato il testo del primo Accordo di Basilea (Basilea1), da subito applicato nei Paesi del G10, il quale ha poi riscosso un notevole successo diventando un documento osservato a livello internazionale. Dalla data di pubblicazione del primo Accordo si sono susseguite diverse modifiche e aggiustamenti, ma solo dal 2000 il Comitato ha iniziato a lavorare alla stesura di una nuova versione dell’Accordo. Il Nuovo Accordo di Basilea (Basilea2), prodotto nella sua prima bozza nel gennaio del 2001 e pubblicato nella sua veste definitiva nel giugno del 2004, entrerà in vigore entro la fine del 2006 e modificherà, all’interno dei principali sistemi bancari mondiali, il modo di calcolare i requisiti patrimoniali relativi al rischio, sia per quanto riguarda gli aspetti strettamente finanziari (rischio di credito e di mercato), sia per quanto concerne il rischio operativo. Proprio l’inclusione dei rischi operativi nella gamma dei rischi che le banche devono prendere in considerazione al fine di determinare la copertura patrimoniale utile ai fini della vigilanza, rappresenta una delle modifiche sostanziali riscontrabili nel nuovo Accordo di Basilea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

auditing
basilea
basilea ii
bs7799
business continuity planning
cramm
ict
isms
outsourcing
pishing
rischio
rischio informatico
rischio operativo informatico
rischio reputazionale
sicurezza informatica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi