Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema ubiquitina-proteosoma e la degradazione delle proteine

La degradazione delle proteine è un processo importante almeno quanto la loro sintesi, infatti, molti processi cellulari, quali la regolazione del ciclo e della divisione cellulare, lo sviluppo e il differenziamento, la risposta cellulare allo stress e agli stimoli extracellulari, la morfogenesi delle reti neuronali, la modulazione dei recettori e dei canali ionici di membrana, la regolazione della secrezione, la riparazione del DNA, la regolazione trascrizionale, la memoria a lungo termine, i ritmi circadiani, la regolazione delle risposte infiammatorie ed immunitarie, la biogenesi degli organelli, sono controllati tramite una rapida degradazione di proteine regolatorie specifiche. La maggior parte delle proteine cellulari che vengono degradate sono prima modificate tramite il legame covalente con una proteina a basso peso molecolare, l’ ubiquitina. In questo modo la proteina da eliminare viene marcata e indirizzata verso la proteolisi ad opera di una grossa proteasi, presente in tutte le cellule eucariotiche a livello citoplasmatico e nucleare, nota come proteosoma o proteasoma 26S. L’importanza della conoscenza approfondita di questa via degradativa sta diventando sempre più evidente perchè disfunzioni e malfunzionamenti in questa via degradativa risutano implicati nella trasformazione e nella progressione tumorale, in alcune malattie genetiche e in molte malattie neurodegenerative .

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE La degradazione delle proteine è un processo importante almeno quanto la loro sintesi, infatti, molti processi cellulari, quali la regolazione del ciclo e della divisione cellulare, lo sviluppo e il differenziamento, la risposta cellulare allo stress e agli stimoli extracellulari, la morfogenesi delle reti neuronali, la modulazione dei recettori e dei canali ionici di membrana, la regolazione della secrezione, la riparazione del DNA, la regolazione trascrizionale, la memoria a lungo termine, i ritmi circadiani, la regolazione delle risposte infiammatorie ed immunitarie, la biogenesi degli organelli, sono controllati tramite una rapida degradazione di proteine regolatorie specifiche. La maggior parte delle proteine cellulari che vengono degradate sono prima modificate tramite il legame covalente con una proteina a basso peso molecolare, l’ ubiquitina. In questo modo la proteina da eliminare viene marcata e indirizzata verso la proteolisi ad opera di una grossa proteasi, presente in tutte le cellule eucariotiche a livello citoplasmatico e nucleare, nota come proteosoma o proteasoma 26S. L’importanza della conoscenza approfondita di questa via degradativa sta diventando sempre più evidente perchè disfunzioni e malfunzionamenti in questa via degradativa risutano implicati nella trasformazione e nella progressione tumorale, in alcune malattie genetiche e in molte malattie neurodegenerative . 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Farmacia

Autore: Giovanni Lavorato Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 30171 click dal 28/11/2007.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.