Skip to content

Romeo and Juliet nell'Ottocento

Informazioni tesi

  Autore: Nunzia Beneduce
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Maria Rosaria Cocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

I drammi shakespeariani sono stati reinterpretati sulla scena e dalla critica nelle maniere più diverse e in base al gusto e alla cultura di ciascuna particolare epoca. A tale destino, naturalmente, non è sfuggita neanche Romeo and Juliet una delle più popolari tragedie shakespeariane di tutti i tempi. Oggetto del mio studio sono proprio i cambiamenti nell’interpretazione critica e scenica di Romeo and Juliet dal 1660 fino alla fine dell’Ottocento. Quando Carlo II riprese il trono inglese nel 1660, riaprì anche i teatri che erano rimasti chiusi per ben diciotto anni. Da quel momento, le opere di Shakespeare vennero portate in scena più di qualsiasi altra opera ma in adattamenti profondamente diversi dall’originale dal momento che le condizioni della rappresentazione erano completamente mutate. La pratica dell’adattamento continuò per tutto il Seicento e il Settecento anche se contemporaneamente si sviluppava verso la metà del XVIII secolo un movimento inverso che cercava di riportare sulla scena il testo nelle sue forme originali. In epoca romantica, infatti, le modifiche operate sui testi shakespeariani diminuirono sempre di più poiché i romantici esaltavano il testo shakespeariano nella sua autenticità, senza nessun tipo di taglio e di cambiamento e addirittura i critici più severi sostenevano che le opere shakespeariane perdevano la loro magnificenza proprio nella messa in scena mentre rendevano il loro meglio dopo una buona lettura. Tuttavia il teatro e la letteratura, non furono l’unico campo in cui Shakespeare raggiunse l’apice del suo successo. In effetti, all’inizio del Settecento, con la diffusione delle opere shakespeariane in forma scritta, si divulgò l’abitudine di inserire nei testi anche delle tavole illustrative e ben presto molti artisti si cimentarono nella produzione di raffigurazioni pittoriche con argomento shakespeariano. Le esibizioni teatrali divennero così il soggetto per un nuovo genere di conversation piece, ritratti in cui gli attori venivano raffigurati nelle scene più importanti, nei ruoli e con le espressioni che ne avevano determinato la fama; esse illustravano inoltre i cambiamenti negli stili di recitazione, negli elementi scenici e nei costumi teatrali. Anche se inizialmente gli artisti si limitarono a documentare queste rappresentazioni teatrali, ben presto diedero sfogo alla loro fantasia e immaginazione donando al mondo intero un ulteriore interpretazione dei drammi e dei personaggi shakespeariani.
Nella prima parte di questo studio viene chiarita questa nuova pratica dell’adattamento tipica dell’età neoclassica. Gli autori neoclassici si ritenevano superiori per quanto riguardava i concetti di eleganza e raffinatezza rispetto alla precedente epoca elisabettiana e quindi tendevano ad eliminare tutti quegli elementi o anche i linguaggi considerati rozzi e volgari. Tra tutte le versioni qui illustrate la più degna di nota è sicuramente quella del celebre impresario David Garrick il quale sulle orme dei suoi predecessori elimina il personaggio di Rosaline e fa svegliare Juliet prima che Romeo si uccida aggiungendo un dialogo pieno d’amore e di enfasi. Inoltre egli introduce una processione funeraria per esaltare ancor di più la tragicità della morte dei due amanti inserendo nuovi elementi scenici come il coro, i fiori, le torce ecc. Elementi che raddoppieranno nella versioni di Henry Irving il quale sarà addirittura accusato di dare troppa importanza alla sceneggiatura piuttosto che alle qualità poetiche del testo.
Nella seconda parte di questo studio vengono celebrate le qualità poetiche del Nostro. In effetti Shakespeare veniva considerato il conoscitore del cuore umano, colui che attraverso i suoi personaggi esprimeva sentimenti profondi in cui il mondo intero si rispecchiava e per questa ragione, alcuni scrittori romantici quali Coleridge, Lamb, Hazzlitt, ritenevano che fosse impossibile mettere in scena la poesia e le astrazioni immaginarie che essa provoca. Anche le interpretazioni degli attori più bravi, nell’opinione di questi scrittori, non permettevano al pubblico di cogliere l’intimo aspetto del personaggio. Interpreti famosi come Edmund Kean e Eliza O’ Neill che venivano considerati quelli che meglio riuscivano a riprodurre le passioni e le emozioni dei personaggi shakespeariani non riuscivano comunque a dare risalto al testo nella sua complessità poetica.
Nella parte finale si illustra come Shakespeare era ormai divenuto l’emblema dell’ Inghilterra e ben presto la sua popolarità si era estesa anche all’estero grazie alle iniziative di uomini che lo veneravano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE I drammi shakespeariani sono stati reinterpretati sulla scena e dalla critica nelle maniere più diverse e in base al gusto e alla cultura di ciascuna particolare epoca. A tale destino, naturalmente, non è sfuggita neanche Romeo and Juliet una delle più popolari tragedie shakespeariane di tutti i tempi. Oggetto del mio studio sono proprio i cambiamenti nell’interpretazione critica e scenica di Romeo and Juliet dal 1660 fino alla fine dell’Ottocento. Quando Carlo II riprese il trono inglese nel 1660, riaprì anche i teatri che erano rimasti chiusi per ben diciotto anni. Da quel momento, le opere di Shakespeare vennero portate in scena più di qualsiasi altra opera ma in adattamenti profondamente diversi dall’originale dal momento che le condizioni della rappresentazione erano completamente 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

drammi shakespeariani
garrick
iconografia
romeo and juliet
romeo e giulietta
shakespeare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi