Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sicurezza come fattore principale della qualità e dello sviluppo sostenibile dell'azienda

La tesi si svolge in 4 capitoli in cui tratto della 626/94 nello specifico, la valutazione dei rischi e i costi connessi alla sicurezza

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Sicurezza: Evoluzione del quadro normativo europeo ed italiano 1.1 Analisi della situazione legislativa Italiana ed Europea in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Nelle aree industrializzate l’approccio ai problemi della prevenzione e della sicurezza nei luoghi di lavoro è andato evolvendo nel corso degli ultimi 50 anni in relazione ai corrispondenti cambiamenti economico-sociali. Dalla metà del secolo scorso, infatti, il mondo del lavoro delle società avanzate ha avuto un’evoluzione incessante, e per certi versi vertiginosa, dovuta alla massiccia introduzione di nuove tecnologie e di processi di automazione delle attività. Gli anni che vanno dal ’50 al ’70 sono caratterizzati da un lato da una produzione industriale impostata secondo il modello di “organizzazione scientifica del lavoro” (modello Fordista), dall’altro da una crescente domanda di beni di consumo. Sono gli anni in cui si diffonde un livello di prosperità senza precedenti, grazie ad una congiuntura economica favorevole e allo sviluppo della produzione in serie per i mercati di massa. L’attenzione e l’intervento sul problema della nocività e pericolosità dei luoghi di lavoro e della relativa prevenzione è stato connotato da una normazione separata che distingue tra: - prevenzione tecnica: relativa ai requisiti di sicurezza e manutenzione delle macchine, degli impianti e dei prodotti, incluse le attrezzature di lavoro; - prevenzione igienico-ambientale: relativa alla conoscenza ed al controllo degli agenti chimici (polveri, acidi, solventi, ecc.) e fisici (radiazioni, rumore, ecc.) negli ambienti di lavoro nonché alle problematiche relative all’emissione ed immissione nell’aria, nell’acqua e nel terreno di sostanze inquinanti e quindi pericolose; 11

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Virginio Leone Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1595 click dal 05/12/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.