Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I distretti culturali: la riscoperta del connubio tra cultura, creatività e territorio per uno sviluppo economico locale sostenibile

La tesi tratta di un argomento attuale ed in continua espansione di studio e di realizzazioni pratiche

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo n. 1 LE ORIGINI DEI DISTRETTI CULTURALI: DEFINIZIONI e SIGNIFICATI 1. I sistemi locali di sviluppo ed il loro riconoscimento normativo nazionale I sistemi locali sono realtà caratterizzate dalla collaborazione tra attori pubblici e privati del territorio che operano all’elaborazione di progetti autonomi di sviluppo e possono essere esaminati in una duplice ottica: ricostruttiva, se colgono le ragioni del successo di alcune aree del nostro paese, e promozionale, se esportano il modello favorendo l’avvio di nuove esperienze di crescita. In origine, l’argomento è stato trattato in una prospettiva economico-imprenditoriale, valorizzando i dati inerenti ai livelli di produzione e di occupazione con uno specifico riguardo alle iniziative di tipo manifatturiero, quindi i distretti industriali; diversamente oggi si pone il focus sulla dimensione sociale e civile del tema e sulla capacità di avviare processi di maturazione della comunità, come la creazione di relazioni improntate sulla fiducia e sulla cooperazione o la costituzione del capitale sociale. Studiosi ed operatori si interrogano sul ruolo delle iniziative culturali in relazione ai progetti di sviluppo locale, sulla loro attitudine ad esservi integrate o a fungerne da elemento centrale e caratterizzante, cominciando a registrare alcune realizzazioni pratiche, per cui è stata coniata la locuzione evocativa di “distretto culturale”. L’attenzione per il riconoscimento normativo dei sistemi locali di sviluppo nasce dalla letteratura di matrice economica e sociologica, esaminando una serie di realtà dell’Italia centro – settentrionale, ossia di aree caratterizzate da un notevole grado di concentrazione, su uno stesso prodotto o su una stessa filiera, ed integrazione, per la vocazione del territorio e/o la dotazione di infrastrutture e servizi, tra i soggetti imprenditoriali di piccole o medie dimensioni.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Chiara Cesaretti Contatta »

Composta da 88 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5426 click dal 06/12/2007.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.