Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La frattura del femore

Il lavoro che ho sviluppato e presento per la conclusione del corso universitario in scienze infermieristiche, mira allo sviluppo dell’assistenza infermieristica, dal periodo di ricovero alle dimissioni del paziente, che deve essere sottoposto ad intervento di chirurgia ortopedica, per la riduzione e stabilizzazione della frattura del collo femore
Nella parte generale ho indicato tutti gli interventi e valutazioni che vengono fatte dall’infermiere all’arrivo del paziente in reparto, individuando anche tutte quelle azioni prestazioni, esami ematochimici e strumentali che l’infermiere deve eseguire o prenotare per una buona valutazione dello stato del paziente. Nella prima parte ho accennato cos’è la frattura, e ho sviluppato tutte le complicanze che si possono verificare in un soggetto con tale patologia traumatica e gli interventi che deve svolgere l’infermiere.
Il personale infermieristico di un reparto ortopedico deve essere in grado di saper individuare e valutare le complicanze cui possono incorrere i pazienti fratturati. Tali complicanze possono essere per quanto concerne la sede, generali e/o locali, e riguardo al momento della manifestazione; immediate, cioè che si presentino subito dopo la frattura e/o tardive che sono spesso correlate al periodo d’immobilizzazione a letto.
Nella seconda parte ho analizzato l’assistenza e la metodologia infermieristica, che ci permettono di schematizzare e di valutare il grado di assistenza fornita al paziente.
Nella terza parte ho sviluppato le quattro fasi principali che caratterizzano il ricovero, in quanto si presume che variano le condizioni emotive del paziente in relazione alla fase pre-operatoria e post-operatoria, ed eventuale periodo di trazione; accennando l’intra-operatorio in quanto questo è compito del personale di sala operatoria.
A terminare, nella quarta ed ultima parte, ho indicato le competenze infermieristiche correlate ai rischi dopo l’intervento chirurgico e le conclusioni.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Il lavoro che ho sviluppato e presento per la conclusione del corso universitario in scienze infermieristiche, mira allo sviluppo dell’assistenza infermieristica, dal periodo di ricovero alle dimissioni del paziente, che deve essere sottoposto ad intervento di chirurgia ortopedica, per la riduzione e stabilizzazione della frattura del collo femore Nella parte generale ho indicato tutti gli interventi e valutazioni che vengono fatte dall’infermiere all’arrivo del paziente in reparto, individuando anche tutte quelle azioni prestazioni, esami ematochimici e strumentali che l’infermiere deve eseguire o prenotare per una buona valutazione dello stato del paziente. Nella prima parte ho accennato cos’è la frattura, e ho sviluppato tutte le complicanze che si possono verificare in un soggetto con tale patologia traumatica e gli interventi che deve svolgere l’infermiere. Il personale infermieristico di un reparto ortopedico deve essere in grado di saper individuare e valutare le complicanze cui possono incorrere i pazienti fratturati. Tali complicanze possono essere per quanto concerne la sede, generali e/o locali, e riguardo al momento della manifestazione; immediate, cioè che si presentino subito dopo la frattura e/o tardive che sono spesso correlate al periodo d’immobilizzazione a letto.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Michele Raineri Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 20236 click dal 05/12/2007.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.