Skip to content

Job turnover e struttura finanziaria d'impresa. Analisi empirica su un panel di imprese.

Informazioni tesi

  Autore: Cristian Galizzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Annalisa Cristini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

Sino all’avvento del primo shock petrolifero nel 1973, il tasso di disoccupazione nei Paesi appartenenti alla Comunità Europea (ora Unione Europea) rimaneva contenuto al di sotto della soglia del tre per cento, mantenendosi quindi in linea a tassi considerati di disoccupazione strutturale o naturale, seguendo la definizione data dall’economista Friedman; successivamente, dalla metà degli anni Settanta, il tasso di disoccupazione è bruscamente aumentato, toccando, nel 1985, un picco pari all’undici per cento, sino ad allora inimmaginabile.
Negli anni successivi, nonostante si sia assistito ad un parziale riassorbimento di questo fenomeno, sceso sino alla fine del decennio all’otto per cento, i tassi di disoccupazione sono tornati a crescere prepotentemente sotto la spinta di un forte periodo recessivo che sembra essere ormai terminato, ma che ha portato più di un lavoratore su dieci nell’UE ad essere in cerca di un posto di lavoro. Questo notevole incremento verificatosi nei livelli e nei tassi di disoccupazione, è quindi naturalmente divenuto uno dei principali argomenti di indagine per gli economisti ed una sorta di rompicapo per i policy-makers.
Quotidianamente sempre più esperti si interrogano sulle cause che hanno provocato questa impennata dei tassi di disoccupazione, allo scopo di riuscire a determinare metodi in grado di ridurre almeno parte di quella che oramai in Europa viene definita come una vera e propria “piaga sociale”: un fenomeno che coinvolge direttamente i diciotto milioni di disoccupati che risiedono nell’Unione Europea e, indirettamente, buona parte di tutta la popolazione. Negli Stati Uniti si sono verificati bruschi aumenti nell’andamento dei tassi di disoccupazione negli anni 1975-77, 1980-83 e 1991-93, a cui tuttavia sono seguiti periodi di espansione economica che hanno riassorbito i precedenti incrementi; sembra inoltre che la piaga della disoccupazione sia stata quasi completamente debellata negli ultimi mesi (le ultime stime pubblicate sui quotidiani parlano di tassi di disoccupazione inferiori al cinque per cento ). In netto contrasto la situazione nei Paesi appartenenti all’U.E., ove la disoccupazione non solo permane, ma anzi sembra aumentare nonostante i cicli economici espansivi: sembra infatti che l’attuale ripresa economica non sia in grado di riassorbire l’enorme mole di disoccupati, a differenza di quello che accade negli altri Paesi appartenenti all’OECD.
Ci chiediamo quindi cosa possa accomunare i Paesi appartenenti all’Unione Europea, distinguendoli dalle restanti nazioni del mondo industrializzato appartenenti all’OECD.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I DISOCCUPAZIONE E TEORIE ECONOMICHE 1. PANORAMA SULLA DISOCCUPAZIONE Sino all’avvento del primo shock petrolifero nel 1973, il tasso di disoccupazione nei Paesi appartenenti alla Comunità Europea (ora Unione Europea) rimaneva contenuto al di sotto della soglia del tre per cento, mantenendosi quindi in linea a tassi considerati di disoccupazione strutturale o naturale, seguendo la definizione data dall’economista Friedman; successivamente, dalla metà degli anni Settanta, il tasso di disoccupazione è bruscamente aumentato, toccando, nel 1985, un picco pari all’undici per cento, sino ad allora inimmaginabile. Negli anni successivi, nonostante si sia assistito ad un parziale riassorbimento di questo fenomeno, sceso sino alla fine del decennio all’otto per cento, i tassi di disoccupazione sono tornati a crescere prepotentemente sotto la spinta di un forte periodo recessivo che sembra essere ormai terminato, ma che ha portato più di un lavoratore su dieci nell’UE ad essere in cerca di un posto di lavoro. Questo notevole incremento verificatosi nei livelli e nei tassi di disoccupazione, è quindi naturalmente divenuto uno dei principali argomenti di indagine per gli economisti ed una sorta di rompicapo per i policy-makers. Quotidianamente sempre più esperti si interrogano sulle cause che hanno provocato questa impennata dei tassi di disoccupazione, allo scopo di riuscire a determinare metodi in grado di ridurre almeno parte di quella che oramai in Europa viene definita come una vera e propria “piaga sociale”: un fenomeno che coinvolge direttamente i diciotto milioni di disoccupati che risiedono nell’Unione Europea e, indirettamente, buona parte di tutta la popolazione. Inoltre, come appare nel grafico 1.1, questi dati rispecchiano una situazione che si rivela essere in netto contrasto con altri Paesi anche a noi vicini quali Austria, Svizzera e Paesi Nordici e, in generale, con gli altri Paesi Europei che non aderiscono all’Unione Europea. Anche in Giappone le autorità di politica economica sono riuscite a mantenere questo incremento della disoccupazione entro i limiti del due, tre per cento nel corso di tutti questi anni, sebbene i dati più recenti, risalenti a marzo 1998, parlino di “[…] tassi pari al 3,9% della popolazione attiva – un record assoluto da quando nel 1953 è iniziata la rilevazione del dato – a causa del circolo vizioso, evidenziato dagli analisti, taglio di posti di lavoro e contrazione dei consumi” [Il Sole 24 Ore (1998)]. Negli Stati Uniti si sono verificati bruschi aumenti nell’andamento dei tassi di disoccupazione negli anni 1975-77, 1980-83 e 1991-93, a cui tuttavia sono seguiti periodi di espansione economica che hanno riassorbito i precedenti incrementi; sembra inoltre che la piaga della disoccupazione sia stata quasi completamente debellata negli ultimi mesi (le ultime stime pubblicate sui quotidiani parlano di tassi di disoccupazione inferiori al cinque per cento 1 ). In netto contrasto la situazione nei Paesi appartenenti all’U.E., ove la disoccupazione non solo permane, ma anzi sembra aumentare nonostante i cicli economici espansivi: sembra infatti che l’attuale ripresa economica non sia in grado di riassorbire l’enorme mole di disoccupati, a differenza di quello che accade negli altri Paesi appartenenti all’OECD. Ci chiediamo quindi cosa possa accomunare i Paesi appartenenti all’Unione Europea, distinguendoli dalle restanti nazioni del mondo industrializzato appartenenti all’OECD. In seguito all’avvento del primo shock petrolifero, a livello mondiale si è assistito ad un rapido incremento nei prezzi del petrolio e nei tassi di disoccupazione. Nel 1980, in risposta al secondo shock petrolifero, i paesi attuano politiche monetarie molto restrittive (inizialmente negli Stati Uniti, di riflesso in Europa) che in realtà hanno contribuito ad aumentare la disoccupazione. Durante l’ultima recessione del 1992, per la prima volta dalla fine della 1 Si veda, tra gli altri, “The Economist”, April 18 th -24 th , page 112.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disoccupazione
job turnover

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi