Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Determinanti e misure della competitività internazionale delle imprese

Dopo un breve riepilogo della letteratura in tema di competitività delle imprese e della sua misurazione, ci focalizzarà maggiormente su quest'ultima mediante il confronto della teoria con 5 casi aziedali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Quello di competitività è un concetto al quale economisti, imprenditori, politici, giornalisti, e studiosi fanno frequentemente riferimento e di cui dibattono e si preoccupano. L'Unione Europea, così come il governo degli Stati Uniti e gli altri governi mondiali istituiscono consigli e producono papers riguardo al tema della competitività. Il World Economic Forum (WEF) e l’International Institute of Management Developement (IMD) annualmente producono rapporti di competitività per misurare e indicizzare la competitività nazionale. Oggi, se si va a indagare sulla singola parola “competitività”, si trova una vasta gamma di definizioni, significati e misure. Il successo e la sopravvivenza dell'impresa dipendono sempre più dalla competitività. Il concetto di competitività è stato descritto da molti autori come un concetto multidimensionale e relativo. La competitività è un concetto multidimensionale, nel senso che esso può essere osservato a tre differenti livelli: di paese, di settore e di impresa. Il concetto di competitività è usato comunemente per descrivere la forza economica di un'impresa rispetto ai suoi concorrenti in un'economia globale di mercato nella quale beni, servizi, persone, competenze e idee si muovono liberamente oltre i confini geografici (Murtha e Lenway, 1994). Michael Porter (2002), osserva che “la competitività rimane un concetto non ben compreso, nonostante la diffusa accettazione della sua importanza”. Mentre Krugman (1994), rileva che “ la maggior parte delle persone che usa il termine competitività lo fa senza rifletterci”. Nonostante la sua giovinezza, secondo Porter (1990), la competitività è diventata “ una delle preoccupazioni centrali dei governi e delle imprese in ogni nazione”. Allo scopo di sopravvivere, ogni nazione, settore ed impresa sente la necessità di migliorare la propria competitività. Siccome vi è una chiara differenza nella definizione dovuta a differenti livelli di analisi, le definizioni di competitività devono essere suddivise a livello nazionale e di impresa.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Juri Signorini Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1940 click dal 06/12/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.