Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le intercettazioni ambientali

L'intercettazione come mezzo di ricerca della prova; la disciplina delle intercettazioni ambientali; le intercettazioni preventive.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo L’intercettazione come mezzo di ricerca della prova 1.Definizione giurisprudenziale delle intercettazione L’intercettazione consiste nella captazione di comunicazioni o conversazioni che si svolgono a distanza, per mezzo del telefono o di altri strumenti di telecomunicazione, o tra persone presenti in un medesimo contesto ambientale, da parte di chi non è partecipe al colloquio, né è destinatario delle comunicazioni. Il codice di procedura penale non definisce esplicitamente l’intercettazione, tant’è che all’art.266 c.p.p. invece che darne una definizione, elenca tassativamente quali sono le fattispecie per le quali è ammesso questo particolare mezzo di ricerca della prova e negli articoli successivi sono elencati: i presupposti, le forme e le modalità di esecuzione dell’intercettazione, nonché la loro conservazione e documentazione, pertanto spetta all’interprete individuarne i tratti essenziali, al fine di determinare esattamente il campo di applicabilità della relativa disciplina. 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Antonella Misceo Contatta »

Composta da 115 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5451 click dal 11/12/2007.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.