Skip to content

La perdita della mutualità prevalente nelle società cooperative. Aspetti civilistici, contabili e fiscali.

Informazioni tesi

  Autore: Vito Dulcamare
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giansiro Massari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 82

L’art. 45 della Costituzione riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata; il riconoscimento è sempre avvenuto con la promozione delle cooperative mediante la previsione di strumenti agevolativi d’ogni genere: finanziari, tributari, ecc., fatto sempre salvo il controllo, a cura delle Autorità preposte, sulle finalità e sulle modalità di svolgimento dell’attività.
L’evoluzione dell’economia nazionale negli ultimi cinquanta anni ha fatto sorgere l’esigenza di favorire il carattere imprenditoriale delle cooperative, la loro crescita e la competitività, anche attraverso l’accesso ai mercati finanziari (art. 2 co. 1 lett. a) e b) della legge delega 3 ottobre 2001, n. 366), inducendo il legislatore delegato a prevedere norme che assicurassero comunque il perseguimento della funzione sociale delle cooperative, previa individuazione delle cooperative costituzionalmente riconosciute.
Tale individuazione si rendeva necessaria per ovviare ai numerosi inconvenienti sorti in passato circa l’ammissibilità delle cooperative soprattutto alle agevolazioni di tipo fiscale; nella pratica, infatti, era possibile distinguere le cooperative aventi tutti i caratteri mutualistici dalle cooperative c.d. “spurie” nelle quali la mancanza di uno o più requisiti, comportando la perdita delle agevolazioni, aveva dato origine ad un rilevante contenzioso.
A tal fine, la riforma del diritto societario, contenuta nella legge delega n. 366/2001 e nel successivo decreto legislativo 17 gennaio 2006, n. 6, molto opportunamente ha distinto le cooperative a mutualità prevalente dalle altre (categoria quest’ultima ricavabile per esclusione non essendo stata prevista una specifica individuazione), assoggettando le prime ad una serie di particolari obblighi, ulteriori rispetto a quelli previsti per le cooperative non a mutualità prevalente, e riconoscendo solo ad esse l’applicazione delle agevolazioni di carattere tributario previste dalle leggi speciali, fermo restando, quindi, per le cooperative non a mutualità prevalente, il diritto a usufruire delle agevolazioni tributarie di carattere generale e delle altre agevolazioni previste a favore della cooperazione (agevolazioni creditizie, previdenziali, contributive, ecc.).
La nuova regolamentazione individua e disciplina sotto l’aspetto civilistico, ed è la prima volta che ciò accade, anche i casi di perdita del requisito della mutualità prevalente, situazione questa che non può non ripercuotersi evidentemente, oltre che sui profili prettamente civilistici (da cui discendono anche le problematiche connesse alla redazione del bilancio straordinario), anche in ambito tributario, considerato che l’aspetto più rilevante che differenzia le due diverse tipologie di cooperative è rappresentato proprio dalla applicazione di talune agevolazioni fiscali solo alle cooperative a mutualità prevalente.
Nel presente lavoro, quindi, partendo dal significato e dai contenuti della mutualità prevalente, saranno inizialmente esaminate le due differenti situazioni di perdita della mutualità prevalente e, successivamente, saranno esaminati i conseguenti effetti civilistici e tributari, evidenziando le problematiche in essere e le possibili soluzioni, senza affrontare le questioni, meritevoli di una separata ed approfondita trattazione, conseguenti all’eventuale obbligo di devoluzione delle riserve indivisibili a seguito della perdita del requisito soggettivo.
In particolare, saranno esaminati:
- gli adempimenti previsti dalla disciplina civilistica a carico di amministratori, collegio sindacale, revisore contabile e assemblea della cooperativa,
- le modalità di redazione e le particolarità del bilancio straordinario,
- i necessari adempimenti di natura tributaria relativi ai periodi di imposta interessati dalla perdita della mutualità prevalente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione L’art. 45 della Costituzione riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata; il riconoscimento è sempre avvenuto con la promozione delle cooperative mediante la previsione di strumenti agevolativi d’ogni genere: finanziari, tributari, ecc., fatto sempre salvo il controllo, a cura delle Autorità preposte, sulle finalità e sulle modalità di svolgimento dell’attività. L’evoluzione dell’economia nazionale negli ultimi cinquanta anni ha fatto sorgere l’esigenza di favorire il carattere imprenditoriale delle cooperative, la loro crescita e la competitività, anche attraverso l’accesso ai mercati finanziari (art. 2 co. 1 lett. a) e b) della legge delega 3 ottobre 2001, n. 366), inducendo il legislatore delegato a prevedere norme che assicurassero comunque il perseguimento della funzione sociale delle cooperative, previa individuazione delle cooperative costituzionalmente riconosciute. Tale individuazione si rendeva necessaria per ovviare ai numerosi inconvenienti sorti in passato circa l’ammissibilità delle cooperative soprattutto alle agevolazioni di tipo fiscale; nella pratica, infatti, era possibile distinguere le cooperative aventi tutti i caratteri mutualistici dalle cooperative c.d. “spurie” nelle quali la mancanza di uno o più requisiti, comportando la perdita delle agevolazioni, aveva dato origine ad un rilevante contenzioso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bilancio apposito
cooperative
mutualità prevalente
perdita mutualità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi