Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Formazione professionale e disoccupazione nel Mezzogiorno

Possiamo sintetizzare la tesi in tre parti principali:
1) Formazione e risorse umane
2) Risorse umane e disoccupazione
3) Risorse umane e politiche per l'occupazione

L'attenzione per la formazione professionale negli ultimi due decenni è uno dei temi più ricorrenti in un larghissimo ambito di riflessioni, che vanno dal campo degli studi a quello delle politiche del lavoro e dell’istruzione.
Il sistema educativo è visto come uno dei principali elementi strategici per il raggiungimento di obiettivi di primo piano: assicurare la libera circolazione delle persone, promuovere lo sviluppo di regioni arretrate, far fronte a problemi connessi con la ristrutturazione produttiva, combattere la disoccupazione di lunga durata, preparare i giovani alla vita attiva, sostenere la cooperazione concertata nel campo delle tecnologie avanzate.
Il contributo della formazione per il raggiungimento di questi obiettivi è considerato centrale in quanto lo sviluppo sociale ed economico tendenzialmente richiederà livelli elevati di qualificazione professionale, non solo specialistica, ma ad alti standard di preparazione di base.
Queste tendenze comportano la necessità di affrontare e portare a soluzione alcuni problemi tuttora non superati nel nostro Paese, problemi che non sono tanto di insufficienze e rigidità generalizzate, quanto di persistenza di divari sempre più accentuati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 1.1 TEORIA DELLO SVILUPPO ECONOMICO Se si riflette sulle recenti interpretazioni della disoccupazione, non si pu non concludere che la teoria keynesiana risulta in gran parte obsoleta e risultano largamente obsolete le prescrizioni di politica economica che quella teoria suggeriva. Oggi si discute molto di disoccupazione tecnologica, un tipo di disoccupazione che era escluso in via di principio dall analisi keynesiana, che assume come data la tecnologia e cioŁ non prende in considerazione le innovazioni tecnologiche. 1 Sul piano della politica economica, Ł sempre piø rara la raccomandazione di accrescere le spese pubbliche totali da finanziare con titoli, una raccomandazione che appare addirittura assurda quando il deficit pubblico Ł gi rilevante. Sul piano della politica economica oggi sono sempre piø spesso raccomandate misure volte a rafforzare la formazione dei lavoratori, la flessibilit del mercato del lavoro e della creazione di nuove imprese.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabiana De Franco Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5523 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.