Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'internazionalizzazione delle Pmi ed il ruolo del made in italy

Il ruolo della concorrenza ha assunto sempre più importanza nel mondo globale di oggi.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAP. 1 CONCORRENZA 1.1. CONCETTO DI CONCORRENZA. Dare una definizione precisa di un pensiero non è mai una operazione semplice. Anche per il concetto di concorrenza ci troviamo di fronte al problema di individuare i confini entro i quali è possibile definire il paradigma in questione. Per poter fare ciò è quantomeno saggio fare tesoro del pensiero di alcuni studiosi che hanno cercato di delineare il contesto nel quale sarà possibile dare un moderno concetto di concorrenza. Il punto di partenza del ragionamento di Adam Smith 1 fu la constatazione della limitatezza delle risorse, inoltre,nel suo pensiero vi è l’individuazione dell’esistenza di individui in competizione tra di loro per l’uso delle risorse e per il raggiungimento dei fini che assicurano il funzionamento della società moderna. In questo contesto la concorrenza è vista come quella forza che assicura, attraverso il sistema dei prezzi, la migliore allocazione delle risorse. Smith indica nel tornaconto individuale la forza che fa muovere i singoli soggetti a competere fra loro. Lo studioso riesce a focalizzare per primo il concetto di concorrenza, ma è con Schumpeter che si ha un ulteriore passo avanti. Schumpeter 2 si rende conto che l’economia non si basa sul concetto di equilibrio formulato da Smith, equilibrio determinato dal tentativo di ottimizzare l’uso delle risorse, ma trova le sue fondamenta nel continuo dinamismo creato dall’imprenditore. Quindi la concorrenza viene vista come un processo continuo, una ricerca costante di un vantaggio rispetto ai propri rivali. Il dinamismo introdotto da Schumpeter è alla base del pensiero di Zappa 3 quando introduce il concetto del divenire. Concetto che risulta essere intrinseco alla nozione stessa di azienda. 1 Smith A. “Wealth of Nation”, 1776. 2 Schumpeter J.A, 1934: The theory of economic development, Harvard University Press, Cambridge, Mass. (ed. originale del 1912). 3 Zappa G., 1927: Tendenze nuove negli studi di ragioneria, Istituto Editoriale Scientifico, Milano.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Lucio Segato Contatta »

Composta da 117 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9314 click dal 13/12/2007.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.