Skip to content

Il lavoro teatrale di Ascanio Celestini, costruire uno spettacolo.

Informazioni tesi

  Autore: Perla Moriggi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Arti e Scienze dello Spettacolo
  Relatore: Luisa Tinti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

La mia tesi parla del teatro di narrazione, che essendo estremamente vario e composito, mi ha portato a scegliere di trattare nel particolare il lavoro di un singolo attore: Ascanio Celestini, cosciente che la sua esperienza non può rappresentare tutto il teatro di narrazione, ma solo uno dei tanti percorsi possibili.
Raccogliere materiale bibliografico sul suo lavoro e sul teatro di narrazione non è stata un’impresa facile: sono rari, infatti, i libri in cui viene trattato o definito e anche quando questo avviene le definizioni sono contrastanti. Ho assistito al laboratorio tenuto da Celestini al Centro Teatrale Universitario di Perugia. Qui mi sono fatta un’idea di come sia possibile lavorare sui racconti, sugli eventi e sull’identità delle persone. Ho osservato il metodo usato dall’autore per raccogliere le storie e per lavorare sulla loro drammaturgia. Questa esperienza mi ha dato modo di scoprire la grande capacità di Celestini, penso del tutto spontanea e istintiva, di creare una comunità, un gruppo; Ascanio, gli allievi del CUT, noi laureande, e gli intervistati nel laboratorio formavamo un’unica entità, riunita per condividere qualcosa, un racconto, una storia, la nostra identità. Questa esperienza ha dato vita all’ultimo capitolo della mia tesi intitolato: Il lavoro laboratoriale in cui descrivo tutto il lavoro svolto in quella settimana di laboratorio.
La ricerca del materiale è proseguita attraverso la visione di alcuni spettacoli di Celestini nei luoghi più disparati: dai teatri come l’Ambra Jovinelli al bioparco di Roma, da piazzette nel centro storico a parchi nell’estrema periferia romana; fino alla collaborazione per l’allestimento della rassegna teatrale Bella Ciao. Il balsamo della memoria.
L’esperienza avuta all’interno della rassegna è confluita nella stesura del primo capitolo Introduzione al teatro di narrazione, in cui ho cercato, non di proporre una trattazione completa sulla situazione del teatro di narrazione, ma piuttosto di dare alcuni elementi, degli input, per introdurre ed incuriosire il lettore verso questa nuova forma teatrale.
La mia attenzione si è concentrata sia sul padre fondatore di questo modo di concepire il teatro, Dario Fo; su alcuni attori della prima generazione del teatro di narrazione negli anni Novanta (Marco Paolini, Marco Baliani, Laura Curino), sia sull’esperienza avuta a contatto con alcuni dei nuovi narratori dell’ultima generazione, che ho potuto osservare nell’ambito della rassegna Bella Ciao. Il balsamo della memoria, da Mario Perrotta a Giuliana Musso, ma anche sulle figure di Michele Sinisi e Michele Santeramo, Davide Enia, Nino Racco.
Il capitolo in questione si apre con un interrogativo: il teatro di narrazione può essere considerato un genere teatrale? Ho affrontato il problema mettendo a confronto due differenti prospettive: quella di Gerardo Guccini che sostiene l’esistenza di un genere teatrale, il teatro di narrazione; e quella di Natale Filice che non racchiude il teatro di narrazione in nessuna gabbia .
Il secondo capitolo La ricerca sul campo: analisi del modo di lavorare di Ascanio Celestini affronta il problema della raccolta e ricerca del materiale, utile per la costruzione di uno spettacolo, in diversi lavori realizzati da Celestini. Qui si notano i contatti di Celestini con il mondo antropologico, raccogliere le testimonianze dalle fonti orali.
Nel terzo capitolo La realizzazione – Le tappe del lavoro per Fabbrica: il primo studio, lo spettacolo, il libro, il programma radiofonico propongo un’analisi della realizzazione del progetto-spettacolo Fabbrica. Per sviluppare questo capitolo mi sono avvalsa della trascrizione del primo studio Il tempo del lavoro, e della schedatura del programma radiofonico Bella ciao. Storie di operai e contadini, eseguite entrambe da me, durante la ricerca del materiale sul lavoro di Celestini.
Con questo lavoro ho cercato di fornire degli elementi utili per aprire una finestra sul mondo della narrazione teatrale, attraverso lo studio di un particolare modo di narrare, quello di Ascanio Celestini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IL LAVORO TEATRALE DI ASCANIO CELESTINI COSTRUIRE UNO SPETTACOLO INTRODUZIONE Il lavoro che propongo in queste pagine è il risultato di un interesse personale per il teatro di narrazione, una forma teatrale tanto antica quanto moderna, che proprio negli ultimi decenni ha conquistato sempre maggiori spazi riscuotendo un gran successo di pubblico. Il mondo della narrazione teatrale è estremamente vario e composito, ho quindi scelto di trattare nel particolare il lavoro di un singolo attore: Ascanio Celestini, cosciente che la sua esperienza non può rappresentare tutto il teatro di narrazione, ma solo uno dei tanti percorsi possibili. Raccogliere materiale bibliografico sul suo lavoro e sul teatro di narrazione non è stata un’impresa facile: sono rari, infatti, i libri in cui viene trattato o definito e anche quando questo avviene le definizioni sono contrastanti. Dopo la raccolta del materiale cartaceo, soprattutto riviste specializzate in spettacolo, la mia ricerca è proseguita con un lavoro pratico: ho assistito al laboratorio tenuto da Celestini al Centro Teatrale Universitario di Perugia. Qui mi sono fatta un’idea di come sia possibile lavorare sui racconti, sugli eventi e sull’identità delle persone. Ho osservato il metodo usato dall’autore per raccogliere le storie e per lavorare sulla loro drammaturgia. Questa esperienza mi ha dato modo di scoprire la grande capacità di Celestini, penso del tutto spontanea e istintiva, di creare una comunità, un gruppo; Ascanio, gli allievi del CUT, noi laureande, e gli intervistati nel laboratorio formavamo un’unica entità, riunita per condividere qualcosa, un racconto, una storia, la nostra identità. Questa esperienza ha dato vita all’ultimo capitolo della mia tesi intitolato: Il lavoro laboratoriale in cui descrivo tutto il lavoro svolto in quella settimana di laboratorio, caratterizzata da una Perugia completamente innevata che donava alla situazione un tocco di magia in più, il contesto ideale per narrare e ascoltare fiabe e racconti. La ricerca del materiale è proseguita attraverso la visione di alcuni spettacoli di Celestini nei luoghi più disparati: dai teatri come l’Ambra Jovinelli al bioparco di Roma, da piazzette nel centro storico a parchi nell’estrema periferia romana; fino alla collaborazione per l’allestimento della rassegna teatrale Bella Ciao. Il balsamo della memoria. La rassegna si è tenuta nella sede del decimo municipio, Cinecittà, uno dei quartieri periferici di Roma Sud. E’ durata una settimana, tra il 12 e il 18 settembre del 2005, e ha ospitato diversi spettacoli.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ascanio celestini
baliani
bella ciao, storie di operai e contadini
curino
enìa
fabbrica. racconto teatrale in forma di lettera
fo
il tempo del lavoro
laboratorio
memoria
narratore
paolini
ricerca sul campo
teatro di narrazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi