Skip to content

An integrated assessment of the European policy on biofuels

Informazioni tesi

  Autore: Irene Travaglini
  Tipo: Tesi di Master
Master in MSc Environment and Development
Anno: 2007
Docente/Relatore: Andrew Wilby
Istituito da: University of Reading, UK
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 65

Several environmental, economic and geopolitical factors are driving the European Union interest on alternative energy sources and in particular on biofuels which are transport fuels obtained from agricultural crops. Biofuels are being promoted as a form of energy that can at the same time contribute to global warming mitigation, diversify energy supply out of oil decreasing EU’s dependence on imports, contribute to the revitalization of the European agricultural sector with positive consequences on rural development and in addition, contribute to the economic and social development of developing countries that have a comparative advantage in feedstock production. In 2003 the European Commission established an indicative target of 2% biofuel share of all the petrol and diesel placed on the market for transport use by 2005 and 5.75% by 2010. The biofuel market is currently dominated by biodiesel and ethanol, so called first generation biofuels and obtained from crops traditionally used in the food chain. Biofuels are not cost-competitive with fossil fuels so, in order to be commercially viable they require huge support from governments. Europe is supporting biofuels through agricultural subsidies, tax reductions or exemptions, and biofuel obligations. Because of high costs of European feedstocks and lack of sufficient land, Europe is also supporting biofuel production in developing countries. The main objective of this report is to assess the likely economic, environmental and social impacts of the European strategy on biofuels. The report mainly reviews existing studies, thus relying on secondary data. Is it worthwhile spending public financial resources to support biofuels? The main findings are that a 5.75% replacement of fossil fuels with biofuels gives a small contribution to GHG emissions reduction and cannot protect Europe from high energy expenditure because the whole production chain of biofuels require the use of fossil fuels. Even meeting the 2010 target would not allow Europe to substantially increase its energy security. Moreover, to meet the biofuels target, the requirement of land is enormous (15-18% of total European arable land) and the cultivation of energy crops on set aside land means an extension of the area used for intensive farming with negative
vii
consequences on soil, water and biodiversity. The overall environmental impacts in developing countries could be even worse because of lack of serious environmental regulation and bioenergy could threaten forests and other natural ecosystem with likely GHG emissions rather than savings. In addition, the fast growth of the biofuel industry is pushing up the prices of food and feed because land and other resources are being diverted from food to energy crops production. Biofuels have in fact the potential to increase global food insecurity. The only clear benefit of European promotion of biofuels is rural development in Europe: biofuels can revitalize the agricultural sector with positive consequences on rural areas. The positive contribution to rural development in developing countries is less straightforward. The reports concludes that considering the whole picture, biofuels are not the best solution to solve the problems related to GHG emissions and energy security in Europe and financial resources would be better spent in the research of alternative, more environmentally and socially friendly options.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
vi SUMMARY Several environmental, economic and geopolitical factors are driving the European Union interest on alternative energy sources and in particular on biofuels which are transport fuels obtained from agricultural crops. Biofuels are being promoted as a form of energy that can at the same time contribute to global warming mitigation, diversify energy supply out of oil decreasing EU’s dependence on imports, contribute to the revitalization of the European agricultural sector with positive consequences on rural development and in addition, contribute to the economic and social development of developing countries that have a comparative advantage in feedstock production. In 2003 the European Commission established an indicative target of 2% biofuel share of all the petrol and diesel placed on the market for transport use by 2005 and 5.75% by 2010. The biofuel market is currently dominated by biodiesel and ethanol, so called first generation biofuels and obtained from crops traditionally used in the food chain. Biofuels are not cost-competitive with fossil fuels so, in order to be commercially viable they require huge support from governments. Europe is supporting biofuels through agricultural subsidies, tax reductions or exemptions, and biofuel obligations. Because of high costs of European feedstocks and lack of sufficient land, Europe is also supporting biofuel production in developing countries. The main objective of this report is to assess the likely economic, environmental and social impacts of the European strategy on biofuels. The report mainly reviews existing studies, thus relying on secondary data. Is it worthwhile spending public financial resources to support biofuels? The main findings are that a 5.75% replacement of fossil fuels with biofuels gives a small contribution to GHG emissions reduction and cannot protect Europe from high energy expenditure because the whole production chain of biofuels require the use of fossil fuels. Even meeting the 2010 target would not allow Europe to substantially increase its energy security. Moreover, to meet the biofuels target, the requirement of land is enormous (15-18% of total European arable land) and the cultivation of energy crops on set aside land means an extension of the area used for intensive farming with negative

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

biodiesel
bioenergy
bioethanol
biofuels
impacts of biofuels
sustainable development

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi