Skip to content

Prove di mediazione

Informazioni tesi

  Autore: Diego Bosco
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione sociale e istituzionale
  Relatore: Alberto Gozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 230

Come è cambiata l'idea di comunicazione di prossimità, di radio locale in Italia, negli ultimi venti anni?
Quali sono le origini e le peculiarità della radiofonia locale?
Questa tesi offre un quadro del panorama radiofonico locale in Italia, in particolare puntando lo sguardo sui fenomeni di nascita e sviluppo di catene di radio locali a vocazione comunitaria ed informativa.
La domanda a cui si vuole rispondere può sembrare utopica, ma in realtà sembra essere divenuta sempre più forte: come e in che modi viene concessa la partecipazione del cittadino nei media locali? Come si posizionano i media locali nel rapporto tra i cittadini e le istituzioni?
Nel panorama attuale italiano il fenomeno delle radio comunitarie sembra tristemente scomparire, sotto la pressione delle sempre più stringenti leggi dell'economia di mercato, miranti al profito economico.
In realtà basterebbe sostituire all'aggettivo economico, quello di "culturale", in modo tale da invertire una routine produttiva dell'informazione e dei programmi centrata sulla "disperata ricerca dell'audience".
Eppure in Europa le radio locali pubbliche e comunitarie appartenenti a soggetti diversi come, ad esempio, le associazioni di cittadini sono una realtà ben radicata da molti anni, che permette la socalizzazione di una cultura partecipativa e democratica a partire dall'ambito locale.
L'auspicio di questo lavoro è quello di fornire un piccolo, ma significativo contributo allo sviluppo di una logica alternativa al modello di radiofonia commerciale ormai globalizzato e, sotto molti aspetti, omogeneizzato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione […]Se gli uomini trasformano il mondo dandogli un nome, attraverso la parola, il dialogo si impone come cammino per cui gli uomini acquistano significato in quanto uomini”. Paulo Freire La nascita della radiofonia, durante degli anni Trenta del secolo appena trascorso, celebrò per la prima volta nella storia dei paesi sviluppati una sostanziale unificazione di tutti i settori della società in un’unica collettività di ascolto su scala nazionale. Sia nei paesi a regime democratico che nei totalitarismi, l’elaborazione di prodotti culturali radiofonici su larga scala assunse i connotati di una produzione di massa, omogeneizzata e centralizzata e, tendenzialmente, comprensibile da tutti. Il dibattito intellettuale sui mezzi di comunicazione di massa appena nati si venne sin da subito animando in senso differente: artisti ed intellettuali come Rudolf Arnheim, negli anni Trenta, si immaginarono che un mezzo come la radio potesse avere, sfruttando le qualità tecniche di trasmissione e ricezione insite nel mezzo, potenzialità sociali immense, capaci di far parlare il leader politico, così come il contadino; altri, come Bertolt Brecht, tennero un atteggiamento di sostanziale (e politico) scetticismo nei confronti del mezzo radiofonico. Eppure, come è stato dimostrato più volte nel corso della storia, sono le persone che decidono gli usi che si possono fare di una tecnologia e non viceversa: l’accesso al medium radio da parte dei cittadini era ancora di là da venire. Dovettero passare trent’anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, prima che si potessero riconsiderare i mezzi di comunicazione di massa in maniera più democratica. Dalla fine degli anni Trenta fino alla metà degli anni Sessanta, le forze politiche ed economiche dominanti richiesero che l’interesse degli studiosi si spostasse sui mezzi di comunicazione di massa in quanto apparati produttivi e di persuasione, utilizzati per formare un’opinione nel pubblico che, proprio in quegli anni, cominciava ad essere misurato e 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi