Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le applicazioni del Wi-Fi nelle piccole comunità locali

La presente trattazione ha lo scopo di indurre una riflessione sul valore reale di questa “autostrada invisibile”; perché il wireless, e gli standard che annovera, non va considerato solo come toccasana contro il digital divide nelle zone mal attrezzate in termini di banda larga, ma risorsa complementare alle infrastrutture terrestri che potrà offrire servizi a utenti business e privati in mobilità, anche nelle grandi metropoli. Solo in questo modo si potrà dare vero valore aggiunto al circolo virtuoso dell’innovazione.
Nell’esposizione delle nostre ricerche ci premeva suddividerne il corpus in sei capitoli distinti ma logicamente consecutivi.
Nei primi due ci concentreremo sui fondamenti teorici e gli aspetti tecnici che caratterizzano il mercato wireless in generale e gli standards principali di riferimento, per poi passare alla descrizione del Wi-Fi , analizzandone le esigenze di convergenza e mobilità che costituiscono la base del suo sviluppo, pregi e difetti, possibili applicazioni, nonché piattaforme ed infrastrutture ad esso necessarie.
Nel terzo capitolo analizzeremo il problema della sicurezza degli impianti wireless e, successivamente, il quadro normativo di riferimento. Focalizzeremo poi l’attenzione sull’influenza che hanno le attuali disposizioni di legge in materia di privacy e liberalizzazione (regolanti il mercato delle telecomunicazioni) sulle tecnologie wireless in generale e Wi-Fi in particolare.
Proseguiremo poi con il quarto capitolo annoverando la realtà della mobile economy, soffermandoci sugli scenari tecnologici, le opportunità per le aziende e gli atteggiamenti degli utenti verso la stessa. Non dimenticheremo, nel contempo, di argomentare circa l’annoso problema del digital divide che preclude la possibilità di globalizzare le diverse economie alimentando il gap tra Paesi tecnologicamente avanzati e non.
Nel quinto capitolo porremo l’attenzione sulle applicazioni delle tecnologie wireless al livello di organizzazione aziendale, focalizzando la ricerca sull’impatto che l’information tecnology prima e le tecnologie wireless con il Wi-Fi poi hanno avuto su di essa scardinandone i vecchi principi di base, decretandone il mutamento ed il successivo sviluppo. Esamineremo poi i benefici fruibili e le difficoltà incontrabili sul sentiero dell’adozione di applicazioni Mobile & Wireless appannaggio delle aziende, citando esempi di organizzazioni italiane che ne hanno già implementate con successo alcune.
Nel sesto ed ultimo capitolo analizzeremo il fenomeno dell’e-government e delle applicazioni Wi-Fi implementate in Italia, osservando le piattaforme wireless sorte in alcune realtà locali del nostro Paese (presenti anche nella Tuscia come il Comune di Graffignano, in provincia di Viterbo) ed inserendo nella trattazione opinioni di esperti, Sindaci, semplici cittadini e persone che hanno fortemente creduto nei progetti, tanto da decretarne l’assoluta riuscita. Termineremo quindi la trattazione comparando i dati rilevati con l’ausilio di tabelle appositamente realizzate, così da trarre delle conclusioni in merito alle ragioni che hanno spinto le amministrazioni locali a compiere quanto realizzato fino ad oggi, ai loro auspici ed ai progetti più prossimi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE “Gli attuali modelli tecnologici risultano spesso inefficienti nel creare nuova ricchezza e sovente non riescono più a soddisfare le crescenti esigenze di sviluppo senza urtare pesantemente contro certi limiti esterni che rischiano di lasciarci al buio di quelli che dovevano essere gli anni della luce.” Così scriveva nel 1977 Piero Angela nel suo famoso libro “Nel buio degli anni luce”. Già da qualche tempo “il wireless” ci ha permesso di valicare limiti fisici, organizzativi e, perché no, psicologici, una volta impensabili. Utilizziamo normalmente apparecchi cordless o telefoni cellulare evitando di rimanere fermi nella stessa posizione; apriamo garages comodamente seduti in auto, magari sotto un nubifragio. Ciò che appare come fantascienza esiste già: elettrodomestici che dialogano in rete facendo il bucato e riscaldando casa prima del nostro arrivo; oppure indumenti “intelligenti” che monitorano costantemente le nostre condizioni di salute, pronti ad allertare il medico curante al primo segnale di pericolo. Ormai il congiunto tecnologico di reti GPRS, UMTS e wireless Wi- Fi ci permette di disegnare, in base alle nostre specifiche necessità, le modalità di interazione con il mercato e oltretutto di ottimizzarne i tempi di risposta ai primi segni di mutamento. In particolare fino a poco tempo fa il Wi-Fi era una notizia da prima pagina; una tecnologia innovativa ed economica sulla quale si concentrava l’attenzione degli addetti ai lavori e dei curiosi.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Pierini Contatta »

Composta da 203 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2748 click dal 13/12/2007.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.