Skip to content

Le extraordinary renditions e il caso Abu Omar: profili di diritto internazionale

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Marani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Elena Sciso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

Abu Omar, Sospettato di intrattenere legami con ambienti terroristici, il 17 febbraio 2003, fu rapito a Milano da alcuni agenti CIA e trasportato alla base aerea di Aviano. Da qui, fu poi trasferito via aerea in Germania e poi definitivamente in Egitto, dove fu imprigionato senza accusa e senza aver subito un regolare processo, nonché ripetutamente torturato.
In questo lavoro si è cercato pertanto di valutare la prassi delle extraordinary renditions alla luce delle norme di diritto internazionale, riferendoci poi ad un caso particolare, quello del sequestro di Abu Omar.
La prima parte della trattazione si è dunque focalizzata sulle norme di diritto internazionale generale e pattizio in materia di diritti umani e, in particolare su quelle relative al divieto di tortura e di trattamenti inumani e degradanti e al diritto alla libertà personale.
Dopo l’esame delle norme poste a tutela dei diritti umani, si è proceduto all’analisi della disciplina della responsabilità internazionale degli Stati.
si è proceduto ad un esame della responsabilità degli Stati coinvolti nel caso Abu Omar, dal quale è emerso che Stati Uniti, Italia, Germania ed Egitto possono considerarsi a vario titolo responsabili della commissione di un illecito internazionale. Più precisamente, si tratta di una forma di “responsabilità aggravata”, in quanto ad essere violata è stata una norma di jus cogens (il divieto assoluto di tortura), al rispetto della quale è vincolata l’intera comunità internazionale.Ciò che è emerso dal presente lavoro è stata dunque un’analisi della liceità della pratica delle extraordinary renditions, ampliamente utilizzata nella guerra al terrorismo internazionale lanciata l’11 settembre 2001. Guerra che, alla luce del diritto internazionale, dovrebbe rimanere nei limiti del rispetto dei diritti umani, i quali sembrano invece essere sempre meno rispettati.
“Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti” è questo un valore che non può essere calpestato nemmeno in una situazione di emergenza, come quella venutasi a creare sulla scena internazionale a seguito gli attentati al World Trade Centre.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  1 INTRODUZIONE “ Spesso l’Europa si definisce come un punto di riferimento per i diritti umani. La scomoda verità è che senza il suo aiuto ora un po’ più di persone non starebbero cercando di riprendersi dalle torture che hanno subito in prigioni situate in varie parti del mondo. Gli Stati europei devono porre fine all’approccio basato sul detto ‘occhio non vede, cuore non duole’ e adottare tutte le misure necessarie per porre fine alla pratica delle renditions nel loro territorio”. 1 Amnesty International 1. Premessa A partire dai noti attacchi subiti l’11 settembre 2001, gli USA hanno basato la loro politica estera su quella che è stata definita una vera e propria “guerra al terrore”, avente lo scopo di debellare il terrorismo internazionale e quello di matrice islamica in particolare. Terrorismo, che incarna dunque il nemico da sconfiggere, nemico nuovo rispetto al passato, in quanto rappresentato da organizzazioni transnazionali, costituite da gruppi di individui privati, che non agiscono quali organi di un determinato Stato (un esempio su tutti è l’organizzazione terroristica al-Qaeda, facente capo a Bin Laden) 2 . Questo avversario inaspettato non può essere combattuto con i tradizionali 1 Dichiarazione di Claudio Cordone, direttore alla ricerca di Amnesty International, rilasciata in seguito alla pubblicazione del rapporto “Partners in crime: Europe’s role in US renditions”.   2 CONFORTI B., Diritto internazionale, Editoriale Scientifica, VII edizione, 2006, p. 191 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

11 settembre
abu omar
cedu
diritti umani
extraordinary renditions
imam abu omar
libertà personale
nasr oussama mustafa hassan
patto sui diritti civili e politici
responsabilità internazionale
tortura

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi