Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I percorsi di diversificazione organizzativa dei grandi gruppi bancari europei

Il presente lavoro ha come scopo quello di descrivere i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nelle strutture organizzative delle banche analizzandone i motivi principali e i risultati ottenuti in termini di raggiungimento del vantaggio competitivo e di miglioramento della comunicazione interna (tra le differenti unità operative) ed esterna (con i clienti: dalle grandi imprese al singolo individuo).
Partendo da una descrizione dei possibili tipi di struttura (funzionale, divisionale,….) vengono analizzati i differenti canali distributivi e conseguentemente il nuovo ruolo attribuito alla filiale insieme ai processi attraverso i quali è possibile ridisegnare l’organizzazione per raggiungere gli obiettivi prefissati.
Si esamina il ruolo del personale (comportamenti, relazioni e motivazioni) come essenza della dimensione organizzativa, poiché sono le persone ad agire con il sistema e a rendere, quindi, necessario il proprio coinvolgimento nei processi di cambiamento.
Viene approfondito il tema dell’Asset Management e del Private Banking (macro aree strategiche d’affari identificate nell’evoluzione bancaria e finanziaria più recente) attraverso una ricerca, condotta su un campione di venticinque gruppi bancari europei, che ha come fine l’individuazione delle strategie competitive nell’ambito dell’Unione Europea.
Nell’ultimo paragrafo si presentano i modelli organizzativi elaborati
dai maggiori gruppi bancari nell’asset management e nel private banking. La decisione di approfondire le scelte di stampo organizzativo e distributivo dei soli grandi gruppi deriva dall’evidenza che questi ultimi sono i soli, tra quelli censiti, che pubblicano informazioni con il grado di dettaglio necessario rispetto alle finalità del presente lavoro. Per ogni gruppo bancario esaminato, si evidenziano le principali scelte di posizionamento strategico nel business dell’asset management e del private banking con l’obiettivo di cogliere le fondamentali leve strategiche azionate con riferimento alla distribuzione e alla produzione di servizi di gestione del risparmio.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa Il presente lavoro ha come scopo quello di descrivere i cambiamenti avvenuti negli ultimi anni nelle strutture organizzative delle banche analizzandone i motivi principali e i risultati ottenuti in termini di raggiungimento del vantaggio competitivo e di miglioramento della comunicazione interna (tra le differenti unità operative) ed esterna (con i clienti: dalle grandi imprese al singolo individuo). Partendo da una descrizione dei possibili tipi di struttura vengono analizzati i differenti canali distributivi e conseguentemente il nuovo ruolo attribuito alla filiale insieme ai processi attraverso i quali è possibile ridisegnare l’organizzazione per raggiungere gli obiettivi prefissati. Si esamina il ruolo del personale (comportamenti, relazioni e motivazioni) come essenza della dimensione organizzativa, poiché sono le persone ad agire con il sistema e a rendere, quindi, necessario il proprio coinvolgimento nei processi di cambiamento. Viene approfondito il tema dell’Asset Management e del Private Banking (macro aree strategiche d’affari identificate nell’evoluzione bancaria e finanziaria più recente) attraverso una ricerca, condotta su un campione di venticinque gruppi bancari europei, che ha come fine l’individuazione delle strategie competitive nell’ambito dell’Unione Europea.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandra Cicero Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1895 click dal 21/12/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.