Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’analisi di un caso H. presso la scuola secondaria di primo grado “Salvo D’Acquisto” a Bologna

La relazione presenta oltre che il resoconto del lavoro svolto in classe in presenza di alunni in situazione d’handicap, per un totale di 50 ore, è anche la prova estesa delle finalità messe in campo e realizzate in un percorso di specializzazione di personale docente ai fini dell’integrazione scolastica (e, in prospettiva, anche sociale) delle persone in situazione d’handicap. Il tutto è stato supportato da una pratica dedicata, in assetto laboratoriale, in termini di didattiche speciali (dell’italiano; della matematica; delle materie scientifiche e soprattutto artistiche), volto alla produzione di strumenti utili al percorso professionale di insegnante di sostegno. Vengono altresì affrontati la cornice normativa relativa alla definizione di “handicap” e alla realizzazione di reti di sostegno volte a superare (o, perlomeno, a ridurre) la condizione di svantaggio (L. 104/92 e successiva integrazioni) e tutta la documentazione che tiene traccia del percorso di riduzione dell’handicap svolto nella propria storia personale scolastica da parte dell’alunno H (Profilo Dinamico Funzionale; Piano Educativo Individualizzato; Diagnosi Funzionale), offrendone anche chiarimenti e schemi esplicativi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAP I La mia esperienza di tirocinio si è sviluppata presso: Istituto Comprensivo N. 3 "LAME"" Via della Beverara n. 158 - 40138 Bologna Dirigente scolastico: Alessandra Francucci Premessa: La relazione presenta oltre che il resoconto del lavoro svolto in classe in presenza di alunni in situazione d’handicap, per un totale di 50 ore, è anche la prova estesa delle finalità messe in campo e realizzate in un percorso di specializzazione di personale docente ai fini dell’integrazione scolastica (e, in prospettiva, anche sociale) delle persone in situazione d’handicap. Il tutto è stato supportato da una pratica dedicata, in assetto laboratoriale, in termini di didattiche speciali (dell’italiano; della matematica; delle materie scientifiche e soprattutto artistiche), volto alla produzione di strumenti utili al percorso professionale di insegnante di sostegno. Vengono altresì affrontati la cornice normativa relativa alla definizione di “handicap” e alla realizzazione di reti di sostegno volte a superare (o, perlomeno, a ridurre) la condizione di svantaggio (L. 104/92 e successiva integrazioni) e tutta la documentazione che tiene traccia del percorso di riduzione dell’handicap svolto nella propria storia personale scolastica da parte dell’alunno H (Profilo Dinamico Funzionale; Piano Educativo Individualizzato; Diagnosi Funzionale), offrendone anche chiarimenti e schemi esplicativi. Chiude la relazione una bibliografia aggiornata sui temi inerenti l’handicap, accompagnata da una sitografia che offre strumenti utili (software gestionali; software di realizzazione di mappe concettuali; documenti normativi; documenti testimonianza; schemi esplicativi; etc.) all’insegnante di sostegno nel suo lavoro. Nel lavoro di tesi ho inserito le seguenti parole chiave:

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Chiara Casalini Contatta »

Composta da 43 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2791 click dal 17/12/2007.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.