Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Continuità della relazione padri-figli per padri detenuti

Il carcere è un mondo particolare popolato da persone che, al di là della gravità del reato commesso, lasciano fuori una famiglia, una moglie e dei figli. Non si può rispettare completamente il detenuto, nè favorire il suo recupero e reinserimento sociale se non si tiene conto di quella parte che il recluso lascia fuori dall'istituzione e che continua ad esistere e ad influenzare la sua vita. Il momento dell'arresto è un evento traumatico molto forte per l'intero nucleo familiare ma in particolar modo per i figli, che molto spesso non riescono ad accettare e capire questo improvviso allontanamento da casa del padre. Solitamente si tende a non dire la verità al bambino riguardo all'accaduto e questo non fa altro che incrementare le sue paure e le sue ansie. Il padre è una figura molto importante e la sua assenza ha sicuramente delle ripercussioni sullo sviluppo emotivo e relazionale del bambino, soprattutto se è molto piccolo e non supportato dal genitore non detenuto o da altri adulti significativi. L'interruzione del rapporto con il padre può infatti causare una serie di problematiche nel bambino e risulta difficile e complicato continuare ad esercitare la paternità quando si è in carcere. E' importante, per garantire un'ottimale sviluppo psicofisico del minore che egli continui a mantenere un rapporto con il padre, sempre laddove la capacità genitoriale del reclusoo non risulti compromessa. A questo proposito, in alcune carceri italiane sono state attivate diverse iniziative volte al sostegno del legame tra il genitore detenuto e i figli (es. progetto Peter Pan).

Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Ho deciso di concludere il mio corso di laurea specialistica affrontando un’esperienza che ha sempre suscitato in me molto interesse e che credo rappresenti una fonte di crescita per chiunque si accinga ad intraprenderla. Il carcere, con le tante sfumature che lo caratterizzano, è un mondo particolare popolato da persone che, al di là della gravità del reato commesso, lasciano fuori una famiglia, una moglie, dei figli. È bene sapere che non si può rispettare completamente il ristretto 1 come persona, né favorire il suo recupero e reinserimento sociale se non si tiene conto di quella parte che il detenuto lascia fuori dall’Istituzione e che continua ad esistere e a influenzare la sua vita. Il momento dell’arresto è un evento traumatico molto forte per il soggetto stesso, per la moglie, ma soprattutto per i figli e rappresenta un profondo momento di crisi nell’equilibrio del nucleo familiare. È difficile infatti accettare e capire per un bambino a volte troppo piccolo il perché di questo improvviso allontanamento da casa del padre. Quando il bambino è molto piccolo si tende in genere a non dire la verità e questo non fa altro che incrementare i timori del minore. La mancanza di una spiegazione riguardo all’accaduto alimenta nei bambini più paure e fantasie rispetto alla realtà della situazione; sapere che il padre è partito per una lunga vacanza o viaggio di lavoro e non ricevere da lui una telefonata o una spiegazione genera nei bambini un sentimento di abbandono e rifiuto che danneggia il senso di autostima 2 . Il padre svolge un ruolo e delle funzioni fondamentali all’interno della famiglia e la sua assenza ha sicuramente delle ripercussioni sullo sviluppo emotivo e relazionale del bambino, specie se molto piccolo e non supportato dal genitore non detenuto e/o da altri adulti significativi (Andolfi, 2001). La Convenzione sui Diritti dell’Infanzia approvata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre del 1989, ribadisce l’importanza della famiglia come unità fondamentale della società e ambiente naturale per la crescita e il benessere di tutti i suoi componenti, soprattutto dei bambini e sottolinea come entrambi i genitori abbiano una responsabilità comune nel provvedere alla crescita e all’educazione del bambino. Per promuovere tali diritti sono stati fondati istituti, istituzioni e servizi volti a vigilare sul 1 Questo termine viene utilizzato nel linguaggio comune per indicare colui che sconta una pena all’interno di un Istituto Penitenziario 2 Vedi paragrafo “Gli effetti dell’assenza della figura paterna sui figli”, nel capitolo 2.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Psicologia

Autore: Michela Tascedda Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4954 click dal 20/12/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.