Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal circuito penale al reinserimento lavorativo

Tramite questo lavoro, abbiamo voluto addentrarci nelle difficili e palustri acque del mondo della detenzione e del successivo rientro in società.
Il punto di partenza sarà un excursus della storia del carcere ( non sempre lineare a causa delle svariate forme di punizione ) e del suo sviluppo nel corso degli anni. Ci soffermeremo, in particolar modo, su una “rivoluzionaria” riforma penitenziaria, cioè la legge 354/75. Invischiati nella tortuosa analisi di questa complessa disposizione, si è reso necessario lo studio minuzioso di due misure alternative alla detenzione, come l’affidamento in prova al servizio sociale e la semilibertà, i quali, a nostro avviso, risultano essere provvedimenti adatti per un eventuale reintegro in società.
Successivamente, il viaggio proseguirà a tappe come su un ipotetica catena in cui per raggiungere il suo capo è indispensabile toccare tutti i suoi anelli che la compongono. A tal proposito, quindi, si è sentita l’esigenza di approfondire il raggio d’azione dei Servizi Sociali per Adulti, i quali, come vedremo anche in una indagine verticale, sono impegnati su più fronti e attivi nella promozione di progetti volti a tutelare e promuovere l’inserimento dei detenuti nel mondo del lavoro.
Di seguito, considereremo come l’operato dei Servizi Sociali sia strettamente vicino a quello delle Cooperative Sociali di tipo b, reputate quest’ultime ago di una bilancia in cui su di un piatto poggiano i detenuti e gli ex detenuti emarginati e sull’altro la reintegrazione socio-lavorativa.
Le cooperative sociali saranno poi agganciate (tramite la legge Smuraglia e la legge 68/99) alla seconda parte del nostro lavoro, dedicata alle aziende pubbliche e private. Queste ultime costituiscono un obiettivo di portata storica, in quanto esempi di una modalità di intervento priva di stigmatizzazione. Infatti, si sono rese protagoniste di un’enorme cambio di mentalità e di un’apertura globale verso l’universo delle persone svantaggiate. A testimonianza di ciò, illustreremo la felice unione che hanno avuto nel territorio livornese, con i progetti SP. IN. ed EQUAL.
Attraverso i dati dei suddetti progetti parleremo dei loro ottimi risultati e delle potenzialità ancora da esprimere.
La parte conclusiva del nostro lavoro sarà rivolta alle dinamiche emozionali delle persone svantaggiate e alle seconde opportunità che vengono loro concesse. Analizzeremo, a tal proposito, l’impegno nel sociale dimostrato dall’azienda Coop (cooperativa di distribuzione alimentare al dettaglio) nel corso degli anni attraverso l’adesione e il sostegno a diversi progetti ed infine, racconteremo la storia di tre soggetti svantaggiati che rappresenteranno il dato qualitativo del nostro lavoro.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Tramite questo lavoro, abbiamo voluto addentrarci nelle difficili e palustri acque del mondo della detenzione e del successivo rientro in società. Il punto di partenza sarà un excursus della storia del carcere ( non sempre lineare a causa delle svariate forme di punizione ) e del suo sviluppo nel corso degli anni. Ci soffermeremo, in particolar modo, su una “rivoluzionaria” riforma penitenziaria, cioè la legge 354/75. Invischiati nella tortuosa analisi di questa complessa disposizione, si è reso necessario lo studio minuzioso di due misure alternative alla detenzione, come l’affidamento in prova al servizio sociale e la semilibertà, i quali, a nostro avviso, risultano essere provvedimenti adatti per un eventuale reintegro in società. Successivamente, il viaggio proseguirà a tappe come su un ipotetica catena in cui per raggiungere il suo capo è indispensabile toccare tutti i suoi anelli che la compongono. A tal proposito, quindi, si è sentita l’esigenza di approfondire il raggio d’azione dei Servizi Sociali per Adulti, i quali, come vedremo anche in una indagine verticale, sono impegnati su più fronti e attivi nella promozione di progetti volti a tutelare e promuovere l’inserimento dei detenuti nel mondo del lavoro. Di seguito, considereremo come l’operato dei Servizi Sociali sia strettamente vicino a quello delle Cooperative Sociali di tipo b, reputate quest’ultime ago di una bilancia in cui su di un piatto poggiano i detenuti e gli ex detenuti emarginati e sull’altro la reintegrazione socio-lavorativa.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Federico Falaschi Contatta »

Composta da 183 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2816 click dal 20/12/2007.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.