Skip to content

Il linguaggio SQL nelle classi quinte della Ragioneria Programmatori Indirizzo Mercurio

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Sonna
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in SSIS - Scuola Specializzazione Insegnamento Superiore-classe A042-INFORMATICA
Anno: 2006
Docente/Relatore: Barbara Russo
Istituito da: Libera Università degli Studi di Bolzano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Una possibile chiave di lettura del presente lavoro di tesi si può scorgere nel passaggio dal generale al particolare: partendo da alcune domande sul ruolo della formazione e dell’informatica come strumento educativo, passando per gli interrogativi sulla funzione dell’insegnamento e sui compiti dell’insegnante, attraverso una lettura storico-epistemologica dell’argomento trattato nell’unità didattica, si giunge all’organizzazione di tale unità mirata allo sviluppo di elementi iniziali del linguaggio non procedurale SQL, utilizzato per l’interrogazione ai database.

Uno sguardo di questo tipo ai vari capitoli aiuta a cogliere le tappe dell’attività dell’insegnante: egli deve infatti interrogarsi sul lavoro che sta svolgendo e sul perché la sua attività concorra alla definizione della personalità dell’individuo, chiedersi come la disciplina che insegna possa contribuire alla formazione del cittadino e quindi, scelta un’attività didattica, interrogarsi sulle modalità di gestione dell’intervento; infine, deve realizzare l’azione didattica con la consapevolezza e la sicurezza di un progetto definito e motivato e deve necessariamente chiedersi gli esiti del suo operato e l’incidenza che tale azione didattica ha avuto sul percorso cognitivo degli studenti ai quali si è rivolto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I PREMESSA Non tutto ci che pu essere contato conta e non t utto ci che conta pu essere contato. Albert Einstein Nel settembre del 2004, quando ho ricevuto la notizia di essere stata ammessa alla Scuola di Specializzazione per l Insegnamento Superiore - nonostante la mia incredulit , avevo superato l esame per ben due classi di concorso, A042 e A049 - non sapevo nemmeno io se dirmi felice di questa notizia o se cominciare a disperarmi della mia situazione di studentessa (di nuovo!). Dopotutto, lo confesso, vedevo questa scuola come il necessario, anche se ingiusto prezzo da pagare per migliorare la mia posizione nelle tanto sofferte graduatorie, risalendo le quali avrei potuto garantirmi, anno dopo anno, fatica dopo fatica, l agognata meta: una supplenza annuale ed in seguito l immissione in ruolo. Vedevo questa scuola come un immeritata e gratuita punizione che andava a sommarsi agli altri diciotto anni di vita trascorsi all interno del sistema educativo in qualit di utente ... Avevo gi avuto le mie prime esperienze da insegnan te e, da un certo punto di vista, mi sembrava superfluo dover studiare quegli argomenti che avrei potuto benissimo imparare sul campo . Non solo, avevo svolto tre an ni da educatore al fianco degli adolescenti e mi sembrava di conoscere a sufficienza le questioni psicologiche di quell et , abbastanza per potermi rapportare a loro anche in un ruolo diverso, quello dell insegnante. Tuttavia mi ponevo anche delle domande, mi chiedevo se, senza uno studio piø approfondito di materie quali la pedagogia, la didattica o l epistemologia delle materie alle quali mi interesso, avessi in realt p otuto conseguire quella maturit e quella preparazione che dovrebbero caratterizzare la professionalit di un insegnante. Al termine di questo corso di specializzazione, posso sicuramente affermare che mi sbagliavo nel momento in cui pretendevo di sapere gi tutto sugli adolescenti, mi sbagliavo sul fatto che potesse bastare la preparazione sul campo , mi sbagliavo a

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi