Skip to content

Finanziamenti equity di nuove imprese ad alta tecnologia: un'indagine empirica del processo di finanziamento e dell'impatto sull'attività brevettuale

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Tanasini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria gestionale
  Relatore: Massimo Gaetano Colombo
Coautore: Francesca Padovani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

L’attività innovativa delle imprese legata alle nuove tecnologie assume sempre più rilevanza per il sistema economico. Il seguente lavoro di tesi si focalizza su un gruppo di imprese particolari, le New Technology Based Firm (NTBF), giovani imprese che operano in settori ad alta tecnologia.
Al fine di favorire lo sviluppo e la crescita di queste importanti componenti dell’economia, gli studi in letteratura si sono interessati al superamento dei problemi che colpiscono questo tipo di aziende: il Knowledge Gap e il Funding Gap. Il primo è rappresentato dalla mancanza di competenze, soprattutto manageriali, che affligge i fondatori delle NTBF mentre il secondo problema è rappresentato dalla mancanza di capitali finanziari necessari per lo sviluppo e la crescita delle idee innovative, soprattutto al momento della nascita.
Molti studi econometrici ritengono che la forma di finanziamento più adatta per risolvere i vincoli fronteggiati dalle NTBF sia il Capitale Equity. Questa forma di finanziamento consiste in liquidità fornita da investitori che decidono temporaneamente di entrare nel capitale sociale dell’impresa finanziata. Gli erogatori di Capitale Equity considerati in questa trattazione sono prevalentemente due: l’Indipendent Venture Capital e il Corporate Venture Capital.
Questa tesi si occupa di valutare due temi, collegati tra loro, che interessano questa tipologia di imprese. Nello specifico, ci si occuperà di analizzare il processo di incontro tra le imprese ad alta tecnologia e la forma di finanziamento Capitale Equity. Il secondo tema affrontato è l’impatto che la tipologia di finanziamenti trattata ha sull’attività innovativa delle NTBF.
Relativamente al primo tema, un ampio filone di letteratura ha analizzato le fasi della selezione e i selection criteria impiegati dai venture capitalist nella valutazione dei progetti innovativi loro sottoposti ma ha trascurato il lato della domanda di capitale. Il nostro modello concettuale prevede che sia le imprese che gli investitori, a turno, operino delle selezioni che si riflettono sugli stadi successivi. Nel primo stadio del processo, le imprese ad alta tecnologia effettuano la scelta di andare o meno “sul mercato” dei finanziamenti di capitale di rischio. Il secondo stadio prevede che, a valle della decisione operata dalle imprese NTBF nel primo stadio, gli investitori compiano un’ulteriore selezione sulle imprese che risultano essere più promettenti in base ai loro criteri.
Relativamente al secondo tema, gli studi condotti in letteratura su questo argomento sono numerosi, suddivisi tra quelli a livello di settore e quelli a livello di impresa. A partire da Kortum e Lerner (2000) molti studi hanno analizzato l’impatto degli investimenti VC sull’attività innovativa delle imprese finanziate. I risultati evidenziano, in generale, la presenza di una relazione positiva con l’attività brevettuale. Tuttavia, le conclusioni non sono concordi sull’entità dell’impatto né sono generalizzabili ad altri contesti geografici. Anche in questo lavoro si è, quindi, deciso di testare la teoria secondo cui gli investimenti Capitale Equity esercitano un impatto positivo sull’innovazione delle imprese hi-tech italiane. Il modello III controlla quindi l’esistenza della relazione tra Capitale Equity e attività innovativa sull’insieme di imprese che si sono poste “sul mercato” nel primo stadio del processo di incontro tra domanda e offerta di capitale. L’attività innovativa della NTBF, come fatto nella maggior parte degli studi condotti in quest’ambito, è stata stimata attraverso la variazione nell’attività brevettuale a seguito della ricezione del finanziamento. Un elemento innovativo rispetto ai lavori cui ci siamo ispirati per questo modello, è l’essersi concentrati sull’impatto del Capitale Equity in generale, e non solo sui cambiamenti apportati dall’avvento di un venture capitalist.
Al fine di testare empiricamente i modelli sopraccitati, è stato analizzato un campione di 394 NTBF italiane, fondate a partire dal 1980, che sono sopravvissute e rimaste attive fino al 2007 e che operano in settori hi-tech, sia in ambito manifatturiero che dei servizi. Per quanto concerne l’aspetto econometrici, le specifiche utilizzate sono differenti. Per i modelli I e II si è utilizzato un Survival Model. Per il modello III si è ricorso a due diverse specifiche a seconda della variabile dipendente utilizzata. I modelli econometrici utilizzati sono un Logit Model e un Binomial Negative Model.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
SOMMARIO SOMMARIO L’attività innovativa delle imprese legata alle nuove tecnologie assume sempre più rilevanza per il sistema economico. Prima di tutto la creazione e lo sviluppo di nuove tecnologie favoriscono la crescita del sistema, garantendo un miglioramento dell’efficienza in termini di benessere sociale. Inoltre, un’innovazione rappresenta un buon deterrente per l’impresa al fine di garantirsi un differenziale competitivo e fronteggiare cosi l’aspra competitività che caratterizza i mercati attuali. Il seguente lavoro di tesi si focalizza su un gruppo di imprese particolari, le New Technology Based Firm (NTBF). Come il nome stesso riporta, le NTBF sono giovani imprese che operano in settori ad alta tecnologia. Queste imprese ricoprono un ruolo importante per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico di un sistema economico (Acs, 2004). Esse infatti rappresentano una fonte primaria di nuovi posti di lavoro, garantendo una rapida crescita del tasso occupazionale del Paese in cui operano. Le NTBF, inoltre, promuovono l’efficienza dinamica del sistema economico, poiché sono fonte di cambiamenti del paradigma tecnologico esistente e contribuiscono all’introduzione di nuovi prodotti/servizi (Audretsch, 1995). Questa tipologia di imprese è anche in grado di garantire l’efficienza allocativa del sistema economico, poiché attraverso la minaccia di entrata, induce le imprese affermate del mercato a disciplinare il proprio comportamento (Gilbert e Newbery, 1982) e a limitare il proprio potere di mercato. Al fine di favorire lo sviluppo e la crescita di queste importanti componenti dell’economia, gli studi in letteratura si sono interessati al superamento dei problemi che colpiscono questo tipo di aziende: il Knowledge Gap e il Funding Gap. Il primo è rappresentato dalla mancanza di competenze, soprattutto manageriali, che affligge i fondatori delle NTBF. Questi ultimi, infatti, possiedono in prevalenza competenze tecniche e specifiche, principalmente dovute alla loro formazione educativa (Cooper e Bruno, 1977; Stuart e Abetti, 1990; Feeser e Willard, 1990; Roberts, 1992; Westhead e Cowling, 1995; Dahlstrand, 1997; Nerlinger, 1998; Almus, 1999). Le modalità con cui è possibile colmare tale mancanza di competenze sono principalmente il reperimento di queste risorse sul mercato del lavoro o la loro acquisizione attraverso alleanze con partner che le possiedono. Queste soluzioni, però, sono difficilmente perseguibili dalle NTBF a causa delle loro caratteristiche. Le imprese ad alta tecnologia sono caratterizzate, infatti, da forti asimmetrie informative che non permettono una corretta percezione del loro valore da parte del mercato. I

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi empirica
appropriability hazard
asimmetrie informative
brevetti
capital equity
corporate venture capital
disallineamento domanda offerta
finanziamenti equity
funding gap
gerarchia di finanziamento
innovazione
knowledge gap
logit
modello concettuale
modello econometrico
multistadio
new technology based firms
ntbf
probit
public venture capital
selection criteria
survival
vc bancario
venture capital

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi