Skip to content

Ruolo professionale dell'infermiere nella sanità militare oggi

Informazioni tesi

  Autore: Michele Nami
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Medicina e Chirurgia
  Corso: Infermieristica
  Relatore: Michele Dott Borghetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

La storia ci insegna che gli eventi bellici hanno sottolineato la necessità di avere una figura professionale che aiutasse il medico in un momento di “caos umano” per alleviare le sofferenze, e portare un po’ di serenità e di amore, in un contesto diverso da ciò che è normale. Di fatto, scaturisce dal desiderio di dare un’immagine a tutto tondo dell’attività svolta nel corso anche degli anni dell’infermiere militare. chi è l’infermiere militare, quali “diversità” ci sono da una divisa, che porta il nome di sottufficiale, da quella dell’infermiere civile?
L’infermiere militare, è orientato a saper affrontare le problematiche dell’emergenza in condizioni ambientali e/o inusuali, con particolare riferimento alla traumatologia d’urgenza e alle patologie derivanti da contaminazioni di natura nucleare-biologica-chimica.
Ai soccorritori militari viene assegnato un ambito d’azione sanitaria più ampia della controparte civile poiché le restrizioni imposte dal campo di battaglia influenzano in modo significativo le decisioni da prendere per l’assistenza al paziente; infatti, fattori quali: l’oscurità, il fuoco nemico, l’espletamento della missione, l’ambiente ostile (acqua, montagna, deserto, giungla) e il problema del trasporto dei feriti all’interno di un campo di battaglia possono avere una priorità maggiore dell’evacuazione immediata, in evidente conflitto con l’assistenza standard a un paziente.


Risultati
Utilizzando le parole chiave e sulla base dei criteri di inclusione/esclusione sono stati individuati 33 articoli. Di questi 17 sono articoli originali storici sulle origini dell’assistenza infermieristica (fondazione, evoluzione nel tempo e sviluppo); 8 articoli trattano prettamente l’assistenza infermieristica con specifiche in ambito militare in Italia e all’estero. I restanti articoli parlano dell’organizzazione e della struttura organica della sanità militare.


Conclusioni
Abbiamo visto la figura dell'infermiere nel contesto militare, e salta immediatamente all'occhio che la linea di confine è sottilissima tra il civile e il militare. L’infermiere militare è un professionista col grado di Maresciallo appartenente alla categoria dei sottufficiali che, oltre alle normali competenze infermieristiche basilari che vanno dalla responsabilità dell’assistenza infermieristica al riconoscimento dell’autonomia decisionale, eroga la sua azione in ambito ospedaliero, territoriale e di mobilitazione; mentre la sua attività si identifica con i compiti del servizio sanitario territoriale militare (S.S.T.M.): selettivo, igienico-profilattico, clinico-terapeutico, medico-legale e logistico in Italia e all’estero. Ai soccorritori militari viene assegnato un ambito d’azione sanitaria più ampia della controparte civile poiché le restrizioni imposte dal campo di battaglia influenzano in modo significativo le decisioni da prendere per l’assistenza al paziente; infatti, fattori quali: l’oscurità, il fuoco nemico, l’espletamento della missione, l’ambiente ostile (acqua, montagna, deserto, giungla) e il problema del trasporto dei feriti all’interno di un campo di battaglia possono avere una priorità maggiore dell’evacuazione immediata, in evidente conflitto con l’assistenza standard a un paziente. Le differenze sostanziale si trovano soprattutto negli scenari di operazione per via delle ulteriori attribuzioni nel campo militare sopra riportate. Le esperienze fatte in combattimento possono essere estese alla pratica civile; ragion per cui, le organizzazioni sanitarie civili e militari, sono sempre più coinvolte in sforzi cooperativi per operazioni di assistenza in caso di disastri come: uragani, inondazioni, terremoti, dispersione di sostanze nocive o incidenti nucleari. Da ciò possiamo dedurre che le finalità sono sempre le stesse; il suo compito è al di sopra delle parti, lui è lì per l'uomo, come lo è nelle corsie di un ospedale.



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4        4 INTRODUZIONE La storia ci insegna che gli eventi bellici hanno sottolineato la necessità di avere una figura professionale che aiutasse il medico in un momento di “caos umano” per alleviare le sofferenze, e portare un po’ di serenità e di amore, in un contesto diverso da ciò che è normale. Di fatto, scaturisce dal desiderio di dare un’immagine a tutto tondo dell’attività svolta nel corso anche degli anni dell’infermiere militare. Per quanto riguardo lo studio, sotto si vuole rilevare, l’impegno a non dimenticare e a custodire la memoria e l’esperienza degli eventi più traumatici del secolo scorso e questo che stiamo vivendo, per reincarnare le proprie riflessioni sull’identità individuale e collettiva, questa tesi è un piccolo contributo in tale direzione. Come obbiettivo principale: chi è l’infermiere militare, quali “diversità” ci sono da una divisa, che porta il nome di sottufficiale, da quella dell’infermiere civile? Affronteremo il nostro percorso attraverso sei suddivisioni: nel 1°capitolo, ho cercato dei riferimenti storici che hanno portato alla nascita di un’assistenza differenziata da quella medica: l’infermiere. Nel capitolo 2, ho tracciato le “linee guida” dell’infermiere militare. Nel capitolo 3 viene identificata la struttura dell’ospedale da campo, punto di riferimento per erogare un’assistenza in particolari situazioni. Nei capitoli 4 e 5 ho voluto accennare anche l’infermiere militare delle forze armate dell’Aeronautica e della Marina. Il capitolo 6, ha come argomentazione il PHTLS, il risultato dell’esperienza umana sulla preparazione in situazioni di maxi-emergenza, con linee guida diversificate a secondo del quadro, con l’obbiettivo primario di salvare delle vite.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

infermiere militare
ospedale da campo
phtls: basic and advanced prehospital trauma life
storia dell' assistenza infermieristica
triage

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi