Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Rapporti tra giacimenti d'arte e comportamenti di consumo: il caso della mostra Love/Hate - Vernice presso Villa Manin.

Gli investimenti del pubblico e del privato, volti ad incentivare la spesa da parte dei cittadini di beni artistico-culturali, ampliando e modernizzando la qualità dell’offerta hanno in poco tempo determinato la nascita di un nuovo attore del consumo, il consumatore di beni artistico-culturali.
Discipline storicamente legate allo studio dei comportamenti di consumo come l’Economia ed il Marketing si sono trovate negli ultimi tempi ad analizzare un consumatore di visual e performing arts atipico. Esso risulta quasi cristallizzato se lo si ritrae attraverso i tradizionali descrittori socio-demografici (titolo di studio, categoria professionale, età, genere), mentre risulta invece più frammentario e sfuggente nella componente motivazionale, impulsivo benché non sprovveduto nelle scelte, capace di ascoltare sia la componente cognitiva sia quella emozionale nella valutazione complessiva dell’esperienza, più orientato a deideologizzare l’atto del consumo culturale che a connotarlo come simbolo di stato.
L’analisi psico-sociologica, attraverso lo studio delle reazioni cognitive, emotive e comportamentali degli individui verso le forme d’arte e le attività di svago si è posta come obiettivo il dare un’immagine meno cristallizzata a questo particolare attore del consumo, individuando i differenti livelli di reazione estetica propri in ogni individuo.
Lo scopo di queste ricerche trova voce nel comprendere come le persone costruiscono i loro piani di decisione rispetto a questa tipologia di consumi, creando le basi per un’interazione etica, efficace e non strumentalizzata tra domanda e offerta.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Verso la fine degli anni novanta la crescente attenzione delle istituzioni europee, statali e private nei riguardi della conservazione e promozione dei beni artistici e culturali ha portato in Italia e in tutta Europa un progressivo aumento dei visitatori di musei, gallerie d’arte, luoghi d’interesse storico, città d’arte in genere. Gli investimenti del pubblico e del privato, volti ad incentivare la spesa da parte dei cittadini di beni artistico-culturali, ampliando e modernizzando la qualità dell’offerta hanno in poco tempo determinato la nascita di un nuovo attore del consumo, il consumatore di beni artistico-culturali. Discipline storicamente legate allo studio dei comportamenti di consumo come l’Economia ed il Marketing si sono trovate negli ultimi tempi ad analizzare un consumatore di visual e performing arts atipico. Esso risulta quasi cristallizzato se lo si ritrae attraverso i tradizionali descrittori socio- demografici (titolo di studio, categoria professionale, età, genere), mentre risulta invece più frammentario e sfuggente nella componente motivazionale, impulsivo benché non sprovveduto nelle scelte, capace di ascoltare sia la componente cognitiva sia quella emozionale nella valutazione complessiva dell’esperienza, più orientato a deideologizzare l’atto del consumo culturale che a connotarlo come simbolo di stato. L’analisi psico-sociologica, attraverso lo studio delle reazioni cognitive, emotive e comportamentali degli individui verso le forme d’arte e le attività di svago si è posta come obiettivo il dare un’immagine meno

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Michele Avanzi Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 734 click dal 11/01/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.