Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La multimedialità elettronica per l'apprendimento multidisciplinare: il caso del tunnel di Samos

La tesi illlustra l'importanza che le nuove forme di comunicazione multimediali ricoprono nei processi di apprandimento nei diversi contesti formativi, superando la rigida suddivisione delle aree disciplinari che molto si allontana dal naturale funzionamento della mente umana.
Essa, infatti, lavorando per associazioni di idee e concetti e' facilitata nell'apprendimento da una struttura reticolare e multimediale offrendo quest'ultima la possibilita' di percorsi d'apprendimento personalizzabili.
Scopo della tesi quello di contribuire al progetto internazionale semide/emwis attraverso la costruzione di un ambiente multimediale fruibile sul web per la diffusione, nel bacino del mediterraneo, delle conoscenze sul settore dell'acqua, oro blu del XXI secolo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Prefazione Questo lavoro si colloca nell’ambito dei progetti di didattica a distanza della cattedra di Informatica presso la Facoltà di Sociologia dell’Università “La Sapienza” di Roma, e all’interno del progetto internazionale Semide/Emwis (Euro Mediterranean Water Information System) riguardante i temi collegati all’acqua. Semide è un organismo internazionale il cui scopo è scambiare informazioni e conoscenze nel settore idrico nel bacino del Mediterraneo attraverso una rete telematica tra gli stati partecipanti. I suoi obiettivi fondamentali sono tre: facilitare l’accesso alle informazioni, sviluppare la condivisione delle stesse e creare piani di azione comuni per una gestione integrata del sistema idrico internazionale. Il progetto interessa i 35 paesi dell'Euro-Med partnership, vale a dire i 25 stati membri dell’Unione Europea e i 10 Mediterranean Partner Countries (MPC-paesi partner mediterranei). Ogni paese partner, attraverso il Punto Focale Nazionale (PNF), è responsabile della identificazione, certificazione di qualità ed accessibilità alle fonti di informazione. La Prof.ssa Angela Scaringella, dietro nomina della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stata coordinatrice italiana del progetto tra il 1995 e il 2000 e ha preso parte alle diverse conferenze organizzative nazionali ed internazionali. Nell’incontro di Amman avvenuto nell’anno 2000 ha presentato il progetto per Punto Focale Nazionale italiano adottato come prototipo da Semide/Emwis.

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Roberta Chicca Contatta »

Composta da 173 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 872 click dal 14/10/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.