Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Basilea II, sistemi di rating ed il loro impatto sulle Pmi

Basilea 2, sistemi di rating e impatto sulle PMI italiane

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il fenomeno della Globalizzazione ha aumentato il livello della competizione internazionale, aprendo nuove opportunità, e allo stesso tempo, destabilizzando posizioni consolidate nel tempo. Ha trovato la sua piena maturazione nella caduta della barriere doganali che si eregevano a protezione di interi sistemi macroeconomici e delle nazioni che li componevano. Si è assistito alla scomparsa delle forti barriere tecnologiche (intesa come industrializzazione tecnologica) che esistevano fra le aree del mondo a diverso sviluppo e l’espansione del ruolo dei mercati finanziari, questo grazie all’espansione della “Information Technology” infatti oggi capitali, servizi e risorse finanziarie viaggiano più rapidamente e di più. La globalizzazione determina dunque un maggiore livello di competitività perché attraverso una migliore efficienza le imprese possono avere voce in un contesto sempre più grande e sempre più specializzato. Questo si traduce da una parte in un aumento del valore del capitale nelle mani di chi ha investito, e dall’altra in un aumento dei rischi che deve assumersi l’imprenditore o l’investitore che vuole sfruttare questa grande opportunità. Gli Stati inoltre, sotto lo stimolo delle istituzioni, si sono fatti carico di creare istituzioni adatte alla competizione globale, ossia regole del gioco che offrano opportunità e non vincoli, e giocatori preparati a sfruttarle positivamente, nasce di conseguenza l’esigenza di creare strumenti e misure a tutela di imprenditori, al fine di limitare le perdite ed i danni che influirebbero negativamente sul business dell’azienda e delle istituzioni finanziarie. Conseguenza della Globalizzazione è l’aumento degli investimenti da parte delle imprese, con un conseguente aumento della richiesta di capitale di debito da parte delle imprese nei confronti delle istituzioni finanziarie. Questo comportamento ha indotto gli istituti di credito ad aumentare la loro capacità nella valutazione del “rischio di credito”, ovvero la determinazione del danno e della perdita riconducibile all’insolvenza di un credito. Tale capacità divenne ancor più importante a partire dal 1974 in seguito al fallimento della banca tedesca “Bankhaus Herstatt”.

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Agostino Fontana Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2702 click dal 16/01/2008.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.