Skip to content

Le potenzialità di sviluppo del distretto calzaturiero di Barletta

Informazioni tesi

  Autore: Cinzia Romano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Università Mediterranea "Jean Monnet"
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Antonello Prof. Garzoni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

Argomento generale della tesi è il distretto calzaturiero di Barletta e l'obiettivo che si propone è quello di approfondire, tramite interviste effettuate sul campo, quali possono essere le potenzialità di sviluppo del polo produttivo in uno scenario macroeconomico che sta vivendo un periodo particolarmente difficile. Nel primo capitolo il mio intento è : ripercorrere i filoni interpretativi del fenomeno economico dei distretti sulla base degli studi di economisti del Novecento che si sono occupati del tema (Marshall, Beccatini, Sraffa e Porter); ripercorrere l’evoluzione normativa dei distretti industriali dalla Legge 317 del
5/10/91 alla finanziaria 2006 e le politiche industriali statali a sostegno dei distretti industriali; identificare i numerosi distretti in Italia attraverso le ricerche effettuate dall’Istat e dalle Regioni.
Nel secondo capitolo ho svolto un’analisi con una doppia prospettiva: l’impresa e il distretto. Ho trattato quindi il tema dell’imprenditorialità, che rappresenta la fonte della nascita e sviluppo delle imprese all’interno dei distretti industriali e i vari archetipi competitivi derivanti dalla strategia che ogni impresa persegue (l’impresa guida, l’impresa specializzata, l’impresa trainata, l’impresa bloccata); il tema delle strategie collaborative e le politiche di distretto, mettendo in luce le relazioni che intercorrono tra le imprese distrettuali secondo i parametri del grado di formalizzazione della relazione e la criticità per il funzionamento della formula imprenditoriale; inoltre mi è sembrato indispensabile occuparmi del territorio in cui sorge il distretto, della sua strategia competitiva e della sua corporate strategy. In questo capitolo ho anche voluto trattare l’importantissimo tema del metamanagement, approfondendo da un punto di vista teorico le sue linee d’azione e i suoi strumenti che in pratica sono di supporto allo sviluppo di un distretto industriale.
Il terzo capitolo è dedicato al distretto calzaturiero di Barletta; infatti dopo aver analizzato il settore nel suo scenario macroeconomico, ho esposto i dati raccolti tramite la mia ricerca e in particolar modo le caratteristiche delle imprese facenti parte del polo produttivo del Nord Barese Ofantino: le specializzazioni produttive, la struttura e la strategia delle imprese del distretto.
Dopo aver raccolto e analizzato i dati, nel quarto capitolo ho proposto diverse azioni di sviluppo per il distretto barlettano: il potenziamento dell’export verso i mercati degli Stati Uniti e della Russia; migliorare il prodotto dal punto di vista dell’estetica, della funzionalità e dei materiali; servire il mercato finale in modo rapido e con maggiore valore aggiunto; rendere più efficiente la fase della progettazione e della produzione; creare un marchio collettivo. Infine ho posto a confronto il distretto oggetto della tesi con il metadistretto calzaturiero veneto, per capire se i suoi fattori di successo possano essere adottati per portare innovazione e sviluppo anche nel polo produttivo barlettano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I    Introduzione Argomento generale della tesi è il distretto calzaturiero di Barletta e l’obiettivo che si propone è quello di approfondire, tramite interviste effettuate sul campo, quali possono essere le potenzialità di sviluppo del polo produttivo in uno scenario macroeconomico che sta vivendo un periodo particolarmente difficile. Quello che segue è una descrizione del contenuto dei vari capitoli trattati, al fine di facilitare la lettura e la comprensione di questo lavoro di tesi. Nel primo capitolo il mio intento è : ripercorrere i filoni interpretativi del fenomeno economico dei distretti sulla base degli studi di economisti del Novecento che si sono occupati del tema (Marshall, Beccatini, Sraffa e Porter); ripercorrere l’evoluzione normativa dei distretti industriali dalla Legge 317 del 5/10/91 alla finanziaria 2006 e le politiche industriali statali a sostegno dei distretti industriali; identificare i numerosi distretti in Italia attraverso le ricerche effettuate dall’Istat e dalle Regioni. Nel secondo capitolo ho svolto un’analisi con una doppia prospettiva: l’impresa e il distretto. Ho trattato quindi il tema dell’imprenditorialità, che rappresenta la fonte della nascita e sviluppo delle imprese all’interno dei distretti industriali e i vari archetipi competitivi derivanti dalla strategia che ogni impresa persegue (l’impresa guida, l’impresa specializzata, l’impresa trainata, l’impresa bloccata); il tema delle strategie collaborative e le politiche di distretto, mettendo in luce le relazioni che intercorrono tra le imprese distrettuali secondo i parametri del grado di formalizzazione della relazione e la criticità per il funzionamento della formula imprenditoriale; inoltre mi è sembrato indispensabile occuparmi del territorio in cui sorge il distretto, della sua strategia competitiva e della sua

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barletta
calzature
corporate strategy
distretti
distretti industriali
distretto calzaturiero
economia dei gruppi
evoluzione normativa distretti
gruppi aziendali
imprenditorialità
istat
marchio collettivo
metadistretti
metadistretto veneto
metamanagent
poli produttivi
porter
regioni
settore calzaturiero
strategia competitiva
sviluppo settore calzaturiero
territorio puglia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi