Skip to content

Determinanti individuali dell'assenteismo

Informazioni tesi

  Autore: Adriana Aronadio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Laura Borgogni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

Dell' assenteismo non esiste una definizione univoca e generalmente riconosciuta. Sicuramente esso si riferisce al fatto oggettivo della mancata presenza del lavoratore sul posto di lavoro. Un primo elemento di confusione nasce proprio dal fatto che alcuni identificano con questo termine un semplice sinonimo per indicare esclusivamente le assenze al lavoro. Quasi tutte le discussioni sull’Assenteismo cercano di rincorrere il significato sociale, economico, politico del fenomeno, prescindendo dall’analisi dei comportamenti che lo vengono a costituire. Se in un’azienda, ad esempio, si presentano comportamenti di presenza/assenza, tutti gli attori sociali (impiegati, rappresentanze sindacali, imprenditori, dirigenti) sono portati a chiedersi cosa significhi un’ipotetica percentuale di Assenteismo (dato globale, ma inespressivo, in cui si vuole tentare di sintetizzare il fenomeno), senza chiedersi quali comportamenti e quali determinanti costituiscano quella percentuale stessa. Lo scopo di questo progetto di tesi è quello di considerare l’Assenteismo come un possibile “comportamento organizzativo”, vale a dire come un comportamento che ha conseguenze rilevanti sul contesto in cui si manifesta e che, in quanto tale, non solo ha origine nell’organizzazione, ma ha anche effetti di ritorno su di essa, poiché chiama in causa la dimensione del lavoro come campo di relazioni sociali. Per studiare e interpretare l’Assenteismo i ricercatori hanno in genere privilegiato un modello di tipo causale, focalizzando l’attenzione su variabili di tipo individuale quali il sesso, l’età, le abilità personali, ecc.
Ma in seguito si è evidenziata la relazione esistente tra queste variabili e la specificità delle caratteristiche strutturali della situazione di lavoro nell’influenzare il comportamento assenteistico, prendendo in esame costrutti come la “motivazione” e la “soddisfazione lavorativa”, quali indicatori più prossimi dell’adattamento individuale al lavoro. Visto sotto questo aspetto il rapporto di lavoro può assumere varie configurazioni secondo un continuum che va dalla piena integrazione dell’individuo nel contesto, alla sua assoluta estraneità e l’assenza dal posto di lavoro diventa indicatore di deviazione dallo stato cooperativo e di scarsa integrazione nel gruppo di lavoro. In una parola a peggiori condizioni lavorative corrisponderebbe maggiore assenteismo e, rovesciando la prospettiva, il comportamento di assenza è la prima elementare difesa del lavoratore nei confronti del sistema organizzativo non soddisfacente. Borgogni ha sostenuto che “le organizzazioni necessitano di modelli e strumenti che consentano di leggere in maniera integrata le numerose variabili implicate, affinchè si possano cogliere gli elementi essenziali e orientare eventuali azioni migliorative”. Ed è a partire dalle necessità appena espresse che , in questo progetto, ho fatto riferimento al modello di relazioni di influenza tra variabili individuali e organizzative, proposto dall’autore suddetto, che permette un’analisi organizzativa complessiva al fine di identificare eventuali punti di forza e di criticità sui quali costruire ipotetici interventi che possano far fronte a manifestazioni di Assenteismo. Il modello concettuale si rifà alla teoria sociale cognitiva, nello specifico a quella elaborata da Bandura (Bandura, 2000), ed esamina i nessi tra convinzioni di efficacia individuale e collettiva, percezioni del contesto organizzativo, impegno organizzativo e soddisfazione lavorativa, quali indicatori più prossimi del grado di motivazione che le persone hanno di agire con l’organizzazione e di sentirsi legati ad essa. Si tratta infatti di fattori che in diverso modo determinano e influenzano il comportamento organizzativo e l’attaccamento all’organizzazione e, quindi, anche eventuali manifestazioni di comportamento assenteistico. Nell’analizzare la condotta assenteistica, quale strategia comportamentale messa in atto da un attore organizzativo al fine di raggiungere determinati obiettivi lavorativi, viene privilegiata la prospettiva sociale cognitiva per approfondire la concertazione di affetti e cognizioni che presiede alla formazione delle intenzioni e alla regolazione delle condotte in accordo con la loro realizzazione, con particolare attenzione al ruolo che le convinzioni di efficacia possono svolgere nei vari ambiti in cui si declina l’azione umana.


CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Dell’Assenteismo non esiste una definizione univoca e generalmente riconosciuta. Sicuramente esso si riferisce al fatto oggettivo della mancata presenza del lavoratore sul posto di lavoro. Un primo elemento di confusione nasce dal fatto che alcuni identificano con questo termine l’assenza dal lavoro. Le ragioni di tale assenza, nel nostro ordinamento, possono essere molteplici: ferie, festività, infortuni sul lavoro e malattie professionali, sciopero, maternità, servizio militare, varie tipologie di permessi e congedi retribuiti e non, malattie non professionali. Il termine Assenteismo non è però un semplice sinonimo per indicare le assenze al lavoro. Nel dizionario della lingua italiana (Devoto; Oli, 1971) è riportata la seguente definizione di Assenteismo: «frequente assenza dal lavoro per più giorni, per lo più giustificata da certificazione medica, ma in realtà dovuta ad interessi personali o a scarso senso del dovere» ed in senso più esteso «disinteresse abituale connesso ad apatia… nel non riconoscere i propri obblighi sociali, politici, culturali o di altro genere». Esso non è dunque un fenomeno puramente quantitativo (assenze/presenze), ma è carico di elementi “affettivi” che ne fanno un termine peggiorativo, implicante nel linguaggio corrente un preciso giudizio di valore. Oltre all’“Assenteismo degli assenti” esiste poi anche un “Assenteismo dei presenti”, di coloro che fanno un lavoro che non piace, avendo in mente tutt’altro, di coloro che svolgono un’attività al di sopra o al di sotto delle proprie possibilità e che sono già pronti a uscire un’ora prima del termine stabilito. Questo assenteismo/presenza, si basa sulle stesse premesse dell’assenteismo/assenza, anche se sfugge a qualsiasi possibilità di controllo e quantificazione. Secondo vari autori con il termine Assenteismo dovrebbe intendersi “la mancata presenza fisica al lavoro, riconducibile agli eventi di malattia dichiarati”. L’elemento caratterizzante risiede dunque nella volontarietà del

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assenteismo
assenteisti
assenze lavoro
autoefficacia percepita
cyberloafing
soddisfazione lavorativa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi