Skip to content

L’Italia nell’Unione Economica e Monetaria: un bilancio

Informazioni tesi

  Autore: Simone Riccardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Cassino
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: Fabio D'orlando
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

Nel maggio del 1998 iniziava la fase della moneta unica europea, dove l'Italia, riuscì ad essere ammessa, nonostante molte difficoltà.
Da quel momento in poi, tutti i tassi di cambio di Eurolandia sono stati irrevocabilmente fissi e, dopo qualche mese, vennero sostituiti da un'unica unità di conto: l'Euro. Anche le politiche monetarie europee dopo un breve periodo di coordinamento tra le banche centrali dei singoli paesi, sono confluite in un'unica politica affidata alla Banca Centrale Europea.
Tanti sono stati i commenti su questo nuovo regime monetario che avrebbe dovuto rafforzare l’intera economia europea. In particolare i dibattiti si sono inizialmente concentrati sui vantaggi e sugli svantaggi che si sarebbero avuti con la moneta unica, rianimando un discorso già in precedenza affrontato, intorno agli anni sessanta, da Robert Mundell, padre della teoria delle “aree valutarie ottimali”. Il presente lavoro ha lo scopo di ripercorrere una parte di quei dibattiti e di provare a proporre una breve riflessione sulle conseguenze economiche dell’ingresso dell’Italia nell’UEM.
La tesi è organizzata come segue: nel primo capitolo viene descritta la strada che è stata percorsa dalla maggior parte dei paesi che oggi fanno parte dell’UEM, partendo dal trattato di Roma del 1957 fino al trattato di Maastricht del 7 febbraio del 1992, che ha segnato la nascita dell’Unione economica e monetaria. Vengono trattati anche i vari punti di vista di molti studiosi che, con il diffondersi dell’idea di una moneta unica, iniziarono a discutere dei vantaggi e svantaggi potenzialmente arrecabili da una nuova situazione. In particolare si focalizza l’attenzione sulla teoria delle aree valutarie ottimali, ideata da Robert Mundell agli inizi degli anni sessanta, attraverso la quale si cerca di capire l’entità dei costi che una nazione deve sopportare in caso di adesione ad un Unione Monetaria.
Nel secondo capitolo viene analizzata la situazione economica dell’Italia al momento dell’Ingresso nell’Unione Economica Monetaria, il che sarà utile, successivamente, per verificare se l’adesione alla moneta unica abbia determinato vantaggi o svantaggi alla nostra nazione. L’analisi viene effettuata attraverso lo studio di alcune variabili macro, in quanto rappresentano lo strumento ideale per avere un’idea il più completa e chiara possibile, dell’economia di un paese.
Nel terzo capitolo attraverso lo studio delle variabili macro è possibile ottenere una analisi completa dell’economia di un paese; per questo motivo in questo capitolo viene analizzata la loro evoluzione negli anni in cui è stata introdotta la moneta unica europea. Vengono studiati, in particolare, i Consumi, gli Investimenti, le Esportazioni Nette, Spesa Pubblica, l’Occupazione e l’Inflazione, allo scopo di capire realmente il contributo che l’euro ha conferito alla crescita dell’Italia nel suo complesso.
Nel quarto capitolo vengono messe a confronto le previsioni elaborate prima dell’introduzione dell’Unione monetaria con i risultati realmente conseguiti, allo scopo di poter concretamente valutare le difficoltà inattese registratesi con l’avvento dell’euro. Si cerca anche di individuare quali siano state le cause che hanno determinato i forti scostamenti tra risultati ed aspettative, effettuando un’analisi approfondita di tutte le variabili esogene e delle dinamiche endogene dell’Unione monetaria, per capire il ruolo che le stesse abbiano avuto nell’evoluzione dell’economia italiana in questi ultimi anni.
Infine nel quinto capitolo nonostante sia difficile rispondere a domande come “Che cosa sarebbe accaduto all’Italia se non fosse entrata nell’euro?”, si cerca di effettuare un’analisi andando a considerare alcune importanti variabili, dalle quali è possibile rilevare i benefici ottenuti in seguito all’introduzione dell’euro e che difficilmente si sarebbero ottenuti in assenza di una nostra partecipazione alla moneta unica.



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Presentazione Nel maggio del 1998 iniziava la fase della moneta unica europea, dove l'Italia, riuscì ad essere ammessa, nonostante molte difficoltà. Da quel momento in poi, tutti i tassi di cambio di Eurolandia sono stati irrevocabilmente fissi e, dopo qualche mese, vennero sostituiti da un'unica unità di conto: l'Euro. Anche le politiche monetarie europee dopo un breve periodo di coordinamento tra le banche centrali dei singoli paesi, sono confluite in un'unica politica affidata alla Banca Centrale Europea. Tanti sono stati i commenti su questo nuovo regime monetario che avrebbe dovuto rafforzare l’intera economia europea. In particolare i dibattiti si sono inizialmente concentrati sui vantaggi e sugli svantaggi che si sarebbero avuti con la moneta unica, rianimando un discorso già in precedenza affrontato, intorno agli anni sessanta, da Robert Mundell, padre della teoria delle “aree valutarie ottimali”. Il presente lavoro ha lo scopo di ripercorrere una parte di quei dibattiti e di provare a proporre una breve riflessione sulle conseguenze economiche dell’ingresso dell’Italia nell’UEM. La tesi è organizzata come segue: nel primo capitolo viene descritta la strada che è stata percorsa dalla maggior parte dei paesi che oggi fanno parte dell’UEM, partendo dal trattato di Roma del 1957 fino al trattato di Maastricht del 7 febbraio del 1992, che ha segnato la nascita dell’Unione economica e monetaria. Vengono trattati anche i vari punti di vista di molti studiosi che, con il diffondersi dell’idea di una moneta unica, iniziarono a discutere dei vantaggi e svantaggi potenzialmente arrecabili da una nuova situazione. In particolare si focalizza l’attenzione sulla teoria delle aree valutarie ottimali, ideata da Robert Mundell agli inizi degli anni sessanta, attraverso la quale si cerca di capire l’entità dei costi che una nazione deve sopportare in caso di adesione ad un Unione Monetaria. Nel secondo capitolo viene analizzata la situazione economica dell’Italia al momento dell’Ingresso nell’Unione Economica Monetaria, il che sarà utile, successivamente, per verificare se l’adesione alla moneta unica abbia determinato vantaggi o svantaggi alla nostra nazione. L’analisi viene effettuata attraverso lo studio di alcune variabili macro, in quanto rappresentano lo strumento ideale per avere un’idea il più completa e chiara possibile, dell’economia di un paese. Nel terzo capitolo attraverso lo studio delle variabili macro è possibile ottenere una analisi completa dell’economia di un paese; per questo motivo in questo capitolo viene analizzata la loro evoluzione negli anni in cui è stata introdotta la moneta unica europea. Vengono studiati, in particolare, i Consumi, gli Investimenti, le Esportazioni Nette, Spesa Pubblica, l’Occupazione e l’Inflazione, allo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

banca centrale europea
bilancio
consumi
crescita
economia
esportazioni nette
euro
eurolandia
europa
inflazione
investimenti
italia
moneta euro
moneta unica
occupazione
previsioni
robert mundell
spesa pubblica
tassi cambio eurolandia
ue
uem
unione economica e monetaria
unione europea
unione monetaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi