Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Esempio di utilizzo della prospezione sismica tomografica in un’area a geologia superficiale complessa

L’obbiettivo di questo lavoro di Tesi è stato quello di confrontare in un’area vulcanica due metodologie d’indagine sismica, la sismica a rifrazione e la tomografia, identificando le unità sismostratigrafiche superficiali da correlare ai caratteri geologici e stratigrafici della zona in esame.
L’area sottoposta ad indagine è ubicata a Miliscola, ai margini della Caldera dei Campi Flegrei, a S-W di Napoli.
Tale scelta è avvenuta in quanto quest’ area è caratterizzata dalla presenza di depositi superficiali sedimentari alternati a depositi piroclastici, in cui ci si può aspettare, quindi, la presenza di eterogeneità laterali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Le aree vulcaniche sono spesso caratterizzate da una stratigrafia del sottosuolo complessa e, quindi, dalla presenza di rilevanti variazioni orizzontali e verticali nella geometria e nelle caratteristiche fisiche degli strati. A causa di questa eterogeneità, le tecniche tradizionali di prospezione sismica spesso non danno buoni risultati. I metodi sismici convenzionali di investigazione del sottosuolo (come le prospezioni classiche a rifrazione o il metodo down-hole) si basano su modelli del terreno costituiti da strati regolari e con proprietà elastiche costanti e, di conseguenza, soffrono della presenza di variazioni laterali e di inversioni di velocità. Scopo di questo lavoro di Tesi è stato quello di confrontare in un’area vulcanica due metodologie d’indagine sismica, la tomografia sismica e la sismica a rifrazione, identificando le unità sismostratigrafiche superficiali da correlare ai caratteri geologici e stratigrafici della zona in esame. L’area sottoposta ad indagine è l’area di Miliscola, posta ai margini della Caldera dei Campi Flegrei, a S-W di Napoli. Tale scelta è avvenuta in quanto questa area è caratterizzata dalla presenza di depositi superficiali sedimentari alternati a depositi piroclastici, in cui ci si può aspettare, quindi, la presenza di eterogeneità laterali. L’acquisizione di profili sismici a rifrazione in quest’area è avvenuta nell’ambito del Progetto INGV-OV V3 / Sottoprogetto V3_2 – Campi Flegrei, che ha lo scopo di determinare la struttura superficiale delle aree ai bordi della caldera flegrea. Miliscola è situata, infatti, nella parte sud-occidentale dei Campi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Luciano Nocerino Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2550 click dal 23/01/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.