Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fotografia e Turismo. L'uso delle immagini nei cataloghi di Kel12.

Nonostante la fotografia sia universalmente riconosciuta come uno degli attributi indiscussi dell’odierna dimensione turistica, il ruolo che essa svolge in questo ambito non è mai stato affrontato con prospettiva unitaria e completa. Un’antropologia ed una sociologia visiva, lungi dall’essere semplici sottodiscipline, devono ormai essere considerate aspetti fondamentali in questo campo di ricerca. La fotografia non è più un semplice corredo illustrativo e decorativo, ma possiede un potere culturale che non può essere ignorato.
Un tempo si viaggiava per visitare luoghi sconosciuti e scoprirne di ignoti, oggi, invece, sappiamo già tutto del mondo per averlo visto in televisione, al cinema o nelle fotografie, e viaggiamo alla ricerca di ciò che abbiamo già visto e vogliamo ritrovare. Il viaggio, nell’era della cultura visiva, si trasforma in ossimoro: nella pretesa che il mondo possieda le caratteristiche che già abbiamo incontrato nelle sue rappresentazioni, il principio stesso del viaggio, ovvero conoscere qualcosa di mai visto, si tradisce e si trasforma nella ricerca del già conosciuto. Confusione tipica del nostro tempo, la nostra percezione del territorio e il nostro rapporto con esso finisce per essere mediato e distorto dalle immagini.
Questo ha conferito un enorme potere all’immagine fotografica che, in una dimensione turistica sempre più massificata e diffusa, si identifica come strumento perfetto per la promozione e il business del prodotto-vacanza, ormai trasformatosi in un vero e proprio bene di consumo.
La necessità di aderire al target e il tentativo di assecondare ciò che la psicologia turistica suggerisce, determinano una standardizzazione delle immagini che vengono scelte sulla base della loro conformità alle motivazioni del cliente, e che si trasformano, quindi, in vere e proprie idee-immagine. La fedeltà al turista tradisce la destinazione, spesso totalmente dimenticata.
Questi esempi di pittoresco teatralizzato, tuttavia, non soddisfano i bisogni di tutti i turisti. C’è ancora chi cerca l’autentico e non si accontenta di realtà superficiali ed esibite. La sfida di rivolgersi a questi segmenti di target viene raccolta da alcuni operatori che, nel tentativo di differenziarsi, fanno del rispetto della realtà il punto di forza. Una scelta diversa è possibile, come quella compiuta da Kel 12.
In conclusione, non si deve alla fotografia l’omologazione dei Paesi del mondo ma all’uso che di essa viene fatto. Un’alternativa esiste perché le immagini fotografiche possano essere utilizzate allo scopo di diffondere una conoscenza geografica, un turismo consapevole ed una cultura del viaggio che sia scoperta del mondo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Nonostante la fotografia sia universalmente riconosciuta come uno degli attributi indiscussi dell’odierna dimensione turistica, il ruolo che essa svolge in questo ambito non è mai stato affrontato con prospettiva unitaria e completa. Gli innumerevoli studi ed indagini sul turismo troppo spesso ignorano i metodi di ricerca basati sulle immagini e sulla funzione che esse hanno assunto nelle dinamiche di questo titanico fenomeno commerciale. Un’antropologia ed una sociologia visiva, lungi dall’essere semplici sottodiscipline, devono ormai essere considerate aspetti fondamentali in questo campo di ricerca. La fotografia non è più un semplice corredo illustrativo e decorativo, ma possiede un potere culturale che non può essere ignorato. La difficoltà di un approccio al ruolo dell’immagine fotografica nel turismo risiede, in primis, nell’inesistenza di un apparato teorico unitario e condiviso, di compendi o analisi approfondite che riuniscano i numerosissimi articoli ed interventi sull’argomento pervenuti, negli ultimi quarant’anni, da ogni disciplina. Dalla geografia alla psicologia, dal marketing alla sociologia, dalla storia all’antropologia, i settori di studio più diversi si sono interessati a questo fenomeno tanto ampio e cruciale per la nostra società, ma non ancora totalmente indagato e compreso a fondo. La presente tesi vuole gettare un ponte interdisciplinare e sottolineare la centralità e l’importanza della fotografia nella promozione del prodotto viaggio e nella dimensione percettiva e conoscitiva del rapporto uomo-ambiente. Questo significa analizzare in maniera approfondita il permanente interscambio affaristico tra fotografia e marketing del turismo e le conseguenze che esso ha sulla percezione dello spazio e sulla conoscenza geografico-culturale dei luoghi pubblicizzati.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Nicoletta Marconi Contatta »

Composta da 299 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13569 click dal 07/02/2008.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.