Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi sperimentale su opere passive per il controllo di valanghe di neve

Lo studio della neve e dei suoi metamorfismi ha lo scopo di fornire informazioni utili alla comprensione dei fenomeni di formazione, dinamica e interazione delle valanghe con il territorio. La neve ha da sempre costituito una importante risorsa ambientale. Da una parte rappresenta una fondamentale riserva idrica, dall’altra garantisce un forte impulso economico, dovuto al turismo, in zone storicamente depresse a causa di una agricoltura poco sviluppata e ad un territorio impervio. Risorsa e pericolo sono due facce della stessa medaglia: spesso la prima si trasforma nella seconda. L'uomo con particolari comportamenti può porsi in situazioni di pericolo, ad esempio costruendo a ridosso di zone sottoposte a rischio di dissesto idrogeologico o in zone poste a valle di aree valanghive. L'uomo cerca di reagire alle situazioni di pericolo impedendo a queste di manifestarsi, costruendo opere a protezione del territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 1 1 INTRODUZIONE 1.1 La neve: risorsa e potenziale pericolo Lo studio della neve e dei suoi metamorfismi ha lo scopo di fornire informazioni utili alla comprensione dei fenomeni di formazione, dinamica e interazione delle valanghe con il territorio. La neve ha da sempre costituito una importante risorsa ambientale. Da una parte rappresenta una fondamentale riserva idrica, dall altra garantisce un forte impulso economico, dovuto al turismo, in zone storicamente depresse a causa di una agricoltura poco sviluppata e ad un territorio impervio. Risorsa e pericolo sono due facce della stessa medaglia: spesso la prima si trasforma nella seconda al di fuori del suo normale campo d uso. Basti pensare alla portata di un fiume; sia che questa divenga tale da oltrepassare gli argini o che si annulli, rappresenta una condizione di pericolo (Figura 1.1). L’uomo con particolari comportamenti pu porsi in situazioni di pericolo. Con riferimento a quest’ultimo caso, possibili esempi sono tutti quei paesi costruiti a ridosso di zone sottoposte a rischio di dissesto idrogeologico. Con ci si pu concludere che azioni antropiche e pericolo sono strettamente correlate tra loro. L’uomo cerca di reagire alle situazioni di pericolo impedendo a queste di manifestarsi, costruendo opere a protezione del territorio. Importanza fondamentale in questo campo Ł assunta da quei manufatti che permettono il manifestarsi degli eventi minori, in modo da conservare nella popolazione quella fondamentale consapevolezza del pericolo. Tali opere vengono dimensionate facendo riferimento ad un fissato tempo di ritorno1 e quindi dalla sua definizione dipendono tutti i risultati delle successive analisi. La definizione viene fatta a livello statistico e presenta alcuni problemi. In primo luogo 1 Con tempo di ritorno si indica l’intervallo temporale entro il quale in media un evento con determinate caratteristiche fisiche si dovrebbe ripetere. Figura 1.1: Limiti oltre i quali la risorsa pu essere considerata "pericolo" [18].

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Daniele Rossi Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 744 click dal 25/01/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.