Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il culto televisivo: il caso di Lost e del suo fandom

In questo lavoro si affronta l’analisi del fenomeno contemporaneo del culto televisivo e del fandom ad esso collegato, che si genera intorno alle fiction americane.
Il culto televisivo ha una lunga tradizione ed è molto diffuso negli Stati Uniti; in Italia invece, si è ancora molto lontani dalle dimensioni che il fenomeno cultuale assume nei confronti delle fiction americane.
Prima della diffusione massiccia di queste ultime nei nostri palinsesti, il fandom in Italia era essenzialmente letterario e cinematografico, tant'è che la letteratura sul fenomeno è quasi totalmente in lingua inglese e non ha traduzioni ed edizioni italiane. Lo scopo che questa tesi si prefigge è quello di dimostrare come un programma televisivo diventi di culto, analizzando contemporaneamente l’aspetto testuale, i contributi dei suoi fan in base ad un approccio costruttivista, e le strategie dell’industria mediale. Preme inoltre definire l’identità dell’appassionato della cult-testualità televisiva e le sue modalità fruitive. Per assolvere a ciò si è scelto, come caso di studio, tra le numerose serie americane contemporanee, la fiction Lost e le sue comunità di fandom. Al fine di raggiungere tale scopo si procede con un approccio multidisciplinare a cavallo tra sociologia, critica letteraria e filosofica, analisi antropologica, psicologia della ricezione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE In questo lavoro si affronta l’analisi del fenomeno contemporaneo del culto televisivo e del fandom ad esso collegato, che si genera intorno alle fiction americane. Il culto televisivo consiste in una dedizione particolare del pubblico, caratterizzata da un significativo investimento affettivo, nei confronti di una testualità televisiva, tale da generare fenomeni di fandom. Questo termine oltre a descrivere una peculiare modalità fruitiva, intensa ed appassionata, indica la comunità dei fan che si raccoglie intorno ad un prodotto televisivo di culto. Nella fruizione di fandom l’audience si struttura in comunità per cui la visione del programma di culto costituisce un punto di partenza per altre attività maggiormente immersive quali proiezioni di gruppo a cui seguono discussioni, pratica dell’ermeneutica 1 su forum di siti internet e blog, partecipazione a giochi di ruolo basati sulla cult-testualità 2 televisiva, produzione di testualità secondarie rispetto alla testualità di culto come fan-art e fan-fiction. I motivi che hanno determinato la scelta del tema suddetto sono plurimi. Innanzitutto l’attualità. Dopo la crisi del reality le fiction hanno colonizzato, dopo quelli internazionali, i palinsesti televisivi italiani ottenendo grande successo di pubblico. In ragione di ciò si rende necessario approfondire le specificità e i motivi che hanno portato questa tipologia di prodotto televisivo alla ribalta, anche perché è su di esso che la televisione contemporanea sta puntando e punterà in maggior misura in futuro per uscire da quella stasi creativa che l’aveva invasa determinando stanchezza nel suo pubblico. Inoltre va considerata la novità del fenomeno. Il culto televisivo con le sue fruizioni di fandom ha una lunga tradizione ed è molto diffuso negli Stati Uniti dove vige una spiccata propensione nei confronti della narrazione seriale. In Italia invece c’è una scarsa cultura della lunga serialità 3 e sebbene si siano create recentemente delle comunità di fandom intorno a prodotti nazionali 4 si è ancora molto lontani dalle dimensioni che il fenomeno di culto assume nei confronti delle fiction americane. Prima delle narrazioni televisive statunitensi degli ultimi anni il fandom in Italia era essenzialmente letterario, con riferimento alla letteratura fantascientifica, nonchè cinematografico. Dalla letteratura, l’arte per eccellenza, si è recentemente passati alla televisione e si sta assistendo ad una rivoluzione 1 Pratica in cui rientrano le attività di interpretazione e discussione dei fan relative al programma di culto. 2 Neologismo che identifica un programma televisivo di culto. 3 Tipica del panorama nostrano è la serialità breve. Ne è un esempio la Serie all’Italiana articolata in 6-8 episodi da 90 minuti ciascuno. 4 Si vedano per esempio Un Medico in Famiglia e Elisa di Rivombrosa.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Morena Mancinelli Contatta »

Composta da 100 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6263 click dal 28/01/2008.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.