Skip to content

Le valenze del lupo nel mondo romano. Periodo arcaico ed età repubblicana

Informazioni tesi

  Autore: Nadia Canu
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Il Mediterraneo in età antica:storia e culture
Anno: 2005
Docente/Relatore: Giampiero Pianu
Correlatore: MarcoRendeli
Istituito da: Università degli Studi di Sassari
Dipartimento: Dipartimento di Storia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 339

La ricerca su Valenze del lupo nel mondo romano, concentrata sul periodo monarchico e repubblicano, è finalizzata all’indagine di un tema, quello del lupo nel mondo romano, già oggetto di numerosi studi che hanno riguardato in alcuni casi la raccolta e l’analisi filologica delle fonti storiche, in altri la catalogazione di materiali figurati e la loro analisi iconografica e iconologica, in altri ancora l’interpretazione in chiave religiosa e socioculturale. Ne deriva che l’argomento non è mai stato trattato in maniera organica, sulla base cioè dell’utilizzo integrato di fonti storiche, documentazione archeologica e analisi comparativa, strumenti che solo se utilizzati insieme riescono a dare del problema un quadro esaustivo. Non basta. Poiché l’oggetto in esame, il lupo, non costituisce un’entità astratta, bensì un’entità reale, oggetto di approfonditi studi nel campo della zoologia, si ritiene opportuno partire dai dati scientifici relativi a tassonomia, distribuzione, morfologia e etologia per stabilire corrispondenze con i dati messi a disposizione dalla ricerca storica. A questo tipo di approccio è da riferire anche l’analisi della licantropia come forma di delirio di origine neurologica, secondo la classificazione della medicina moderna, ma così interpretata già a partire da Galeno.
La ricerca, che si avvale anche di fonti e testimonianze che esorbitano il periodo prescelto qualora si tratti di espressioni che possano essere riferite a tradizioni antiche, si articola in tre parti.
La prima, costituita dalla raccolta della documentazione, dove si analizza il lupo con i dati messi a disposizione dalla scienza moderna; si procede alla raccolta delle fonti sul lupo nel mondo romano, con particolare approfondimento degli episodi legati al lupo e relativi alla leggenda di fondazione della città di Roma, l’analisi del complesso dei Lupercalia e dei racconti e degli eventi prodigiosi che, nell’ambito del periodo indagato, presentano una connessione con il lupo. La fase di documentazione è completata dall’analisi topografica dei luoghi che, nella città di Roma, presentano una relazione con il lupo o con i rituali ad esso collegati nonché dall’analisi di materiali figurati significativi.
La seconda parte riguarda la comparazione e si occupa di verificare le valenze del lupo nel mondo indoeuropeo, con un’attenzione particolare all’area occupata da popolazioni elleniche, per la quale si registrano il maggior numero di fonti, e, tra gli altri popoli, alla presenza del tema in questione presso gli Etruschi, ma senza tralasciare indicazioni utili che possono provenire da altre culture, anche da quelle non direttamente in contatto con il mondo romano, ma originate dallo stesso sostrato.
L’ultima fase della ricerca riguarda l’analisi dei dati raccolti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE La ricerca su Valenze del lupo nel mondo romano, concentrata sul periodo monarchico e repubblicano, è finalizzata all’indagine di un tema, quello del lupo nel mondo romano, già oggetto di numerosi studi che hanno riguardato in alcuni casi la raccolta e l’analisi filologica delle fonti storiche, in altri la catalogazione di materiali figurati e la loro analisi iconografica e iconologica, in altri ancora l’interpretazione in chiave religiosa e socioculturale. Ne deriva che l’argomento non è mai stato trattato in maniera organica, sulla base cioè dell’utilizzo integrato di fonti storiche, documentazione archeologica e analisi comparativa, strumenti che solo se utilizzati insieme riescono a dare del problema un quadro esaustivo. Non basta. Poiché l’oggetto in esame, il lupo, non costituisce un’entità astratta, bensì un’entità reale, oggetto di approfonditi studi nel campo della zoologia, si ritiene opportuno partire dai dati scientifici relativi a tassonomia, distribuzione, morfologia e etologia per stabilire corrispondenze con i dati messi a disposizione dalla ricerca storica. A questo tipo di approccio è da riferire anche l’analisi della licantropia come forma di delirio di origine neurologica, secondo la classificazione della medicina moderna, ma così interpretata già a partire da Galeno. La ricerca, che si avvale anche di fonti e testimonianze che esorbitano il periodo prescelto qualora si tratti di espressioni che possano essere riferite a tradizioni antiche, si articola in tre parti. La prima, costituita dalla raccolta della documentazione, dove si analizza il lupo con i dati messi a disposizione dalla scienza moderna; si procede alla raccolta delle fonti sul lupo nel mondo romano, con particolare approfondimento degli episodi legati al lupo e relativi alla leggenda di fondazione della città di Roma, l’analisi del complesso dei Lupercalia e dei racconti e degli eventi prodigiosi che, nell’ambito del periodo indagato, presentano una connessione con il lupo. La fase di documentazione è completata dall’analisi topografica dei luoghi che, nella città di Roma, presentano una relazione con il lupo o con i rituali ad esso collegati nonché dall’analisi di materiali figurati significativi. La seconda parte riguarda la comparazione e si occupa di verificare le valenze del lupo nel mondo indoeuropeo, con un’attenzione particolare all’area occupata da popolazioni elleniche, per la quale si registrano il maggior numero di fonti, e, tra gli altri popoli, alla presenza del tema in questione presso gli Etruschi, ma senza tralasciare indicazioni utili che possono provenire da altre culture, anche da quelle non direttamente in contatto con il mondo romano, ma originate dallo stesso sostrato. L’ultima fase della ricerca riguarda l’analisi dei dati raccolti. Nella prima parte è innanzitutto analizzato il lupo come entità biologica, secondo i più recenti risultati degli studi zoologici: si tratta di un contributo a carattere prettamente scientifico, che si rivelerà utile ai fini di un’interpretazione originale delle problematiche analizzate. A questo tipo di approccio è da riferire anche l’excursus sull’interpretazione della licantropia nella medicina, dall’età romana ai giorni nostri. L’analisi delle fonti riguarda in primo luogo la presenza del lupo nell’ambito della leggenda di fondazione, in particolare la lupa che allatta i gemelli, la lupa Acca Larenzia (presente sia nel ciclo romuleo che in quello erculeo), e l’istituzione dei Lupercalia. Per una maggiore completezza vengono segnalati sinteticamente anche casi analoghi alla leggenda di Romolo e Remo, riguardanti l’esposizione e l’allattamento prodigioso di gemelli, e le versioni alternative alla vulgata, con le principali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

affresco
archeologia
classica
demone
etruria
fauno
ficus ruminalis
greca
italica
laverna
lupa
lupa capitolina
lupae
lupercal
lupercalia
lupo
maco fabio secondo
parentalia
pompei
pontesodo
roma
romana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi