Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Culture Jamming, interferenza culturale per il consumatore globale

CULTURE JAMMING
Interferenza culturale per il consumatore globale

Dare voce al consumatore passivo e reagire in maniera creativa alla decennale manipolazione prodotta dalla comunicazione pubblicitaria, rappresenta l’obiettivo principale del movimento oggetto della tesi, che si chiama Culture Jamming. Nato dalla rivista “Adbusters”, di diffusione ristretta e in poco tempo trasformatosi in un movimento di massa, il Culture Jamming ha come finalità la creazione di un consumatore consapevole e attivo in relazione alla società contemporanea. Il Culture Jamming, in questa ottica, rappresenta l’evoluzione inevitabile di movimenti storici come Dadaismo, Scuola di Francoforte, l’Internazionale situazionista e, come i suoi predecessori, si oppone alla manipolazione della realtà mediatica e, più nello specifico a quella pubblicitaria.
Attraverso lo studio di questo movimento creativo, reattivo, innovativo, verrà nel contempo analizzata una rivoluzione tanto attesa dal consumatore contemporaneo, che ha contribuito alla nascita della comunicazione alternativa rappresentativa di una indispensabile evoluzione della pubblicità contemporanea.

Mostra/Nascondi contenuto.
Culture Jamming Marina Lalovic 9 PREMESSA CULTURE JAMMING Interferenza culturale per il consumatore globale Come diceva già G. Debord quarant'anni fa, la società dello spettacolo nella quale siamo completamente immersi ci ha resi ciechi e passivi nei confronti della realtà che ci circonda. Ogni giorno l’uomo è sopraffatto da milioni di informazioni, segni e codici convenzionali di tipo manipolatorio. Il comportamento umano, di conseguenza, è modellato da milioni di segni e simboli che rappresentano l’ingrediente indispensabile del nostro stile di vita e che rendono indolore l’integrazione nella società contemporanea. Scegliere una strada alternativa rispetto a questi meccanismi di integrazione, significa scegliere di essere emarginati, e questo potrebbe provocare dolore. Quelli che hanno cercato di rendere imprevedibile e non condizionabile il comportamento umano, stravolgendo i codici della comunicazione persuasiva, sono i Culture Jammers. “Ogni qual volta c’è un’ingiustizia ci sarà anche la resistenza” 1 , scriveva S. Woodside. 1 Woodside S. “Every joke is a tiny revolution”, Amsterdam, 2001

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Marina Lalovic Contatta »

Composta da 260 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4275 click dal 29/01/2008.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.