Skip to content

Analisi strategica del mercato dei beni di lusso: il caso Tod's

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Romano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e gestione delle imprese e delle organizzazioni internazionali
  Relatore: Paolo Boccardelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 273

Il presente lavoro ha come oggetto l’analisi di un’azienda di successo, sinonimo del lusso italiano, e simbolo del Made in Italy nel mondo: il gruppo Tod’s.
Per effettuare un’analisi coerente e completa, il punto di partenza è lo studio delle strategie aziendali, di come si sono sviluppate ed implementate a seconda dei contesti di sviluppo e delle logiche alla base.
Attraverso tale studio si è potuto far luce sull’importanza di avere un piano strategico coerente con gli obiettivi aziendali, ma soprattutto flessibile rispetto ai mutamenti ambientali.
Il passo successivo è stata l’analisi del mercato di riferimento dell’azienda: il mercato dei beni di lusso, e l’identificazione di un target di consumatori di riferimento.
Il lusso è stato definito in passato come un mercato del tutto particolare: elitario, perché offriva pezzi unici a prezzi molto elevati, locale, perché basato su imprese legate al territorio, esiguo, poiché caratterizzato da segmenti di offerta specialistici, per lo più gioielli ed orologi.
Oggi invece si distingue per essere un mercato trasversale, globale e sicuramente più accessibile rispetto ad un tempo.
Il lusso moderno non identifica più solo ciò che è costoso, raffinato e quindi inaccessibile alla massa, ma richiama una categoria mentale più ampia e dinamica: la ricerca del piacere personale non più meramente ostentativa e la ricerca di esperienze emotive più particolari ed intense.
Ed infatti, grazie a questa cosiddetta “democratizzazione del lusso”, che a primo sguardo potrebbe sembrare una contraddizione di termini, si è invece molto ampliato il mercato, sono cresciuti i tassi di sviluppo, e sono aumentati gli acquirenti.
Da un’attenta segmentazione del mercato emerge che il target dei luxury consumers italiani è composto da individui che risiedono nel Centro Nord (64%) e per due terzi (66%) sono donne; hanno una formazione universitaria, sono recettivi a nuove informazioni e tendenze e fanno un uso massiccio di Internet .
La classe socio-economica è quella medio-alta, con molte persone appartenenti alla classe media, specie per i consumatori saltuari. Questi dati confermano che il lusso interessa vasti strati sociali, in linea con l’attuale convergenza tra concetto di lusso e lifestyle.
Intimamente collegato con il mercato del lusso è il settore della moda, che rappresenta una sorta di mercato adiacente, poiché gran parte delle categorie merceologiche appartenenti al lusso, sono prodotti di moda: abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori; la correlazione è tale che sempre più spesso si assiste alla penetrazione, delle maggiori griffe, anche nel comparto gioielli, con ottimi risultati, mentre invece, non è frequente il contrario.
L’analisi dei processi produttivi, dei tempi di sviluppo e dei passaggi interni, prima che il prodotto arrivi alla tanto attesa passerella, è stato utile per comprendere le dinamiche dell’azienda Tod’s, che punta molto sul carattere di artigianalità delle sue produzioni; ed infatti, date queste premesse, il case study rappresenta il vero e proprio punto d’arrivo.
La Tod’s S.p.A. è un’azienda con una strategia di crescita chiara, che non ha debiti e si autofinanzia, con tre marchi distinti ma correlati e che si occupa principalmente di calzature, pelletteria, accessori moda e abbigliamento, con il chiaro obiettivo di inserirsi anche nel mercato degli occhiali da sole.
E’ la storia di come un calzaturificio delle marche è riuscito a divenire un’azienda leader nel settore, conosciuta a livello mondiale e sviluppata su molti mercati internazionali.
In realtà, è proprio la dimensione locale del distretto produttivo di Sant’Elpidio, in provincia di Ascoli Piceno, la vera forza del gruppo Tod’s, che in questo modo riesce perfettamente a coniugare il lusso, con l’artigianalità e il gusto per l’arte, tutto rigorosamente “Made in Italy”.
Sicuramente il lavoro è stato ancor più stimolante per la possibilità di effettuare un intervista al Dott. Diego Della Valle, presidente del Gruppo, che ringrazio sentitamente per l’opportunità che mi ha concesso e per il tempo che mi ha destinato.
Mi è sembrato, infatti, opportuno inserire copia di tale intervista nell’Appendice bibliografica, dato l’enorme valore aggiunto che ha fornito alla trattazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Il presente lavoro ha come oggetto l’analisi di un’azienda di successo, sinonimo del lusso italiano, e simbolo del Made in Italy nel mondo: il gruppo Tod’s. Per effettuare un’analisi coerente e completa, il punto di partenza è lo studio delle strategie aziendali, di come si sono sviluppate ed implementate a seconda dei contesti di sviluppo e delle logiche alla base. Attraverso tale studio si è potuto far luce sull’importanza di avere un piano strategico coerente con gli obiettivi aziendali, ma soprattutto flessibile rispetto ai mutamenti ambientali. Il passo successivo è stata l’analisi del mercato di riferimento dell’azienda: il mercato dei beni di lusso e l’identificazione di un target di consumatori di riferimento. Il lusso è stato definito in passato come un mercato del tutto particolare: ξ elitario, perché offriva pezzi unici a prezzi molto elevati; ξ locale, perché basato su imprese legate ad un dato territorio; ξ esiguo, poiché caratterizzato da segmenti di offerta specialistici, per lo più gioielli ed orologi. Oggi invece si distingue per essere un mercato trasversale, globale e sicuramente più accessibile rispetto ad un tempo. Il lusso moderno non identifica più solo ciò che è costoso, raffinato e quindi, inaccessibile alla massa, ma richiama una categoria mentale più ampia e dinamica: la ricerca del piacere personale, non più meramente ostentativa, e la ricerca di esperienze emotive più particolari ed intense. Ed infatti, al fenomeno della cosiddetta “democratizzazione del lusso”, che ad un primo sguardo poteva costituire una contraddizione di termini, ha fatto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

calzature
della valle
distretti
lusso
moda
strategia
tod's

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi