Skip to content

L'informazione spettacolarizzata

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Blangiardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere
  Corso: Comunicazione linguistica e multimediale nei linguaggi della pubblicità
  Relatore: Benedetta Baldi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 84

L’inizio del terzo millennio è caratterizzato dall’affermarsi delle nuove tecnologie di comunicazione per via satellitare e telematica.
La possibilità di informare e comunicare attraverso la televisione digitale e satellitare e attraverso internet, ha permesso di fare arrivare la notizia e le immagini in tempo reale, in ogni parte del mondo, anche nelle zone più sperdute del pianeta. In questo processo di globalizzazione della comunicazione, tutti i soggetti “consumatori” di notizie utilizzano in tempo reale il prodotto, che necessita quindi di essere rinnovato continuamente, in un’inarrestabile meccanismo di concorrenza tra i vari mezzi di informazione . Ciò porta ad arricchire anche la notizia più semplice con effetti tali da catturare la curiosità dello spettatore, utilizzando tecniche proprie dello spettacolo: è il cosiddetto infotainment, neologismo di derivazione inglese, risultante dalla fusione delle parole information ed entertainment (intrattenimento).
L’introduzione di internet porta comunque ad una innovazione “rivoluzionaria”: mentre le tradizionali fonti di informazione come televisione e stampa sono gestiti da gruppi di potere, l’accesso alla rete multimediale è libero, e quindi il singolo individuo può fare conoscere le proprie idee mettendole in rete. Tuttavia, anche in questo campo, per catturare l’attenzione dei navigatori, si ricorre con sempre maggiore frequenza alla spettacolarizzazione comunicativa, soprattutto attraverso le immagini utilizzate da siti che permettono tale pratica: Youtube ne è un esempio tangibile.
La spettacolarizzazione della notizia è quindi diventata di uso comune, in quanto sembra indispensabile per attirare l’attenzione del “cliente” (lettore, spettatore, navigatore), che alla fine è anche colui che sancisce il successo e quindi lo stare in vita del prodotto editoriale.
Accanto al cliente-consumatore, il sostegno è infatti fornito dagli sponsor, il cui interesse primario è avere il maggior numero di contatti attraverso il prodotto informativo, per modificare il comportamento del consumatore verso l’utilizzo del proprio prodotto al fine di ottenerne un profitto.
In una logica esplicitamente commerciale, in cui la notizia, l’informazione e la comunicazione in genere, è una “merce” da vendere ad un pubblico visto come un insieme di potenziali consumatori di prodotti culturali e potenziali acquirenti di beni di consumo, da “vendere”, a sua volta, agli inserzionisti pubblicitari, l’alternativa sembra essere solo il richiamo ad un’etica della informazione che imponga il dovere di riferire al pubblico con obiettività cose vere.
Nei capitoli successivi verranno analizzati i moderni mezzi di comunicazione di massa ed i meccanismi ad essi connessi: lo studio si soffermerà sul mezzo di comunicazione per eccellenza nel moderno mondo occidentale, la televisione, che ha fortemente condizionato i moduli espressivi e comunicativi degli altri media e, in particolare, della carta stampata.
Verrà infine analizzata la diffusione mondiale di un nuovissimo mezzo di comunicazione di massa, il web, a buon ragione definito il sesto potere.
Il metodo di analisi seguito cercherà di prescindere da qualsiasi valutazione moralistica sull’uso delle tecniche dello spettacolo introdotte nel campo dell’informazione; si cercherà invece di comprendere se e in quale misura tali tecniche possano distorcere la notizia, influenzando la percezione della realtà dell’individuo, per finalità di natura commerciale o, peggio, ideologico- politica.
Necessario pertanto un approfondimento sull’informazione nei suoi diversi aspetti, con brevi accenni storici, linguistici e strutturali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’inizio del terzo millennio è caratterizzato dall’affermarsi delle nuove tecnologie di comunicazione per via satellitare e telematica. La possibilità di informare e comunicare attraverso la televisione digitale e satellitare e attraverso internet, ha permesso di fare arrivare la notizia e le immagini in tempo reale, in ogni parte del mondo, anche nelle zone più sperdute del pianeta. In questo processo di globalizzazione della comunicazione, tutti i soggetti “consumatori” di notizie utilizzano in tempo reale il prodotto, che necessita quindi di essere rinnovato continuamente, in un’inarrestabile meccanismo di concorrenza tra i vari mezzi di informazione . Ciò porta ad arricchire anche la notizia più semplice con effetti tali da catturare la curiosità dello spettatore, utilizzando tecniche proprie dello spettacolo: è il cosiddetto infotainment, neologismo di derivazione inglese, risultante dalla fusione delle parole information ed entertainment (intrattenimento). L’introduzione di internet porta comunque ad una innovazione “rivoluzionaria”: mentre le tradizionali fonti di informazione come televisione e stampa sono gestiti da gruppi di potere, l’accesso alla rete multimediale è libero, e quindi il singolo individuo può fare conoscere le proprie idee mettendole in rete. Tuttavia, anche in questo campo, per catturare l’attenzione dei navigatori, si ricorre con sempre maggiore frequenza alla spettacolarizzazione comunicativa, soprattutto attraverso le immagini

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

beppe grillo
bruno vespa
calciopoli
cogne
enrico mentana
erba
fattoide
felice froio
homo videns
informazione
infosnaking
infotainment
intrattenimento
patto comunicativo
porta a porta
spettacolarizzare
sportainment
strumentalizzazione
teledipendenza stampa
telegiornali
umberto eco
videogames
voyeurismo
web 2.0

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi