Skip to content

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

Informazioni tesi

  Autore: Italo Giuseppe Di Giovanni
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: Luigi Carmignani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 364

L’area oggetto di studio del presente lavoro di tesi è situata sul versante nord-orientale del Monte Croce del Bastione nel comune di Podenzana (provincia di Massa-Carrara). Il versante è stato interessato da fenomeni di dissesto profondo, determinati da paleofrane, la cui origine ed evoluzione temporale è a tutt’oggi oggetto di ricerca: la tesi ha l’obiettivo di integrare le attuali conoscenze geologiche e geomorfologiche sulla “Paleofrana di Aulla” con modelli di resistività ottenuti da un’estensiva campagna di acquisizione.
Per il raggiungimento di questa finalità è stato seguito un approccio multidisciplinare costituito da successive fasi di indagine: l’area di studio è stata inquadrata nei suoi caratteri geografici, idrologici, geologici e geomorfologici, tramite la raccolta e l’elaborazione di dati pregressi, l’analisi stereoscopica di foto aeree e tramite un rilevamento di campagna di dettaglio. Alla luce delle indicazioni emerse, sono state effettuate le indagini geofisiche, con l’obiettivo di creare dei modelli di resistività di dettaglio e dell’intero corpo della Paleofrana di Aulla.
I modelli 2D sono stati ottenuti da 17 stendimenti geoelettrici, effettuati con metodi quadripolari tipo Wenner e Schlumberger, tramite la strumentazione Terrameter SAS1000 ABEM (georesistivimetro monocanale a 64 elettrodi in dotazione al Laboratorio di Geofisica e Geofisica Applicata del Centro di GeoTecnologie). Questi stendimenti sono stati disposti, con una maglia regolare di 30 m, sia trasversalmente che longitudinalmente rispetto alla direzione del versante, per una lunghezza di 320 m; ciò ha permesso di elaborare un modello 3D dell’area di studio, utile per la definizione e la localizzazione di eventuali linee di debolezza e probabili falde idriche sia superficiali che profonde. Per poter creare modelli di resistività su grande scala della Paleofrana, sono stati realizzati 8 stendimenti geoelettrici, con metodi Wenner e Schlumberger, disposti longitudinalmente rispetto alla direzione del versante per una lunghezza complessiva di 1200 metri. Tutte le informazioni sono state implementate in un ambiente GIS ed è stato sviluppato un progetto cartografico digitale di dettaglio, con diversi strati informativi di grande dettaglio, basato sul software ArcGis.
I modelli di resistività 2D e 3D integrati con le informazioni geologiche e geomorfologiche hanno permesso di connotare la geometria dell’intero corpo della paleofrana ed è stato possibile inquadrare con maggior dettaglio le ipotesi evolutive geologiche e geomorfologiche che hanno contraddistinto questo versante.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I _________________________________________________ Premessa 1 1. Premessa L’oggetto di studio del presente lavoro di tesi è la Paleofrana di Aulla, che insiste sul versante nord-orientale del Monte Croce del Bastione nel territorio del Comune di Podenzana (MS) in Toscana Settentrionale. L’obiettivo di questa ricerca, che ha richiesto circa un anno di lavoro, è stato quello aggiungere nuove misure e dati originali di carattere geologico, geomorfologico e geofisico al quadro di conoscenze finora note relative alla Paleofrana di Aulla. Questo studio non può prescindere da una contestualizzazione in chiave geologica e geomorfologica dell’area geografica in cui la Paleofrana di Aulla è inserita (cap. 2) e che vede la presenza di due ambiti: la Valle del Fiume Magra ed il Monte Croce del Bastione. Il primo individua l’ampia depressione tettonica, detta “Graben della Val di Magra”, nella quale si inserisce il Bacino del Fiume Magra. Il secondo individua il rilievo ubicato sul margine orientale della dorsale (M. Picchiara – M. Cornoviglio – M. Grosso), la quale rappresenta un horst che divide i graben della Val di Magra e della Val di Vara. Il versante nord-orientale della suddetta dorsale è interamente costituito dalla formazione del Flysch di Ottone (cap. 3) e su di esso si imposta la Paleofrana di Aulla. Il Flysch di Ottone è un insieme di alternanze di arenarie, calcareniti, calcari, calcari marnosi, marne ed argilliti in sequenze torbiditiche. Nella parte basale di questa formazione sono stati cartografati (Puccinelli et al., 2003) distinti corpi lenticolari abbastanza continui, denominati Membro delle Argilliti di Monte Veri. A completamento di queste informazioni nel presente lavoro di tesi è stato compiuto un rilevamento di dettaglio sul versante della Paleofrana, corredato da un’analisi delle giaciture; è stata inoltre recepita la stratigrafia emersa da tre sondaggi realizzati nella parte centrale della Paleofrana. Il quadro geomorfologico e strutturale del versante, che dalla cima del Monte Croce del Bastione degrada al Fiume Magra, è complesso ed ha animato il dibattito scientifico negli ultimi anni. Secondo D’Amato Avanzi e Puccinelli (1988) il versante sarebbe stato modellato da faglie dirette a basso angolo parallele al sistema principale NW-SE o NNW-SSE; in particolare, la parte più elevata del versante NE del Monte Croce del Bastione sarebbe il letto di una di queste faglie ed avrebbe la forma di una

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

argilliti di monte veri
aulla
dgpv
flysch di ottone
fotogrammetria digitale
geoelettrica
georesistivimetro
modelli di resistività 2d
modelli di resistività 3d
monte croce del bastione
paleofrana
podenzana
rilevamento geologico
schlumberger
sismicità lunigiana
stendimenti multielettrodici
valle del fiume magra
wenner

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi