Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Roma - l'Area Archeologica Centrale, Idee, Trasformazioni e Frammenti di Progetto

L'assetto attuale dell''area Archeologica Centrale è frutto di frammentari progetti novecenteschi.... Il progetto punta, attraverso circoscritti elementi a colloquiare con il sistema di relazioni, vincoli, valori. Dispositivi espositivi che...

Mostra/Nascondi contenuto.
1.2 Organizzazione concettuale della tesi. Contenuti e Obbiettivi. Il progetto di tesi è diviso in due parti; la prima propone un quadro generale delle questioni progettuali che hanno riguardato l’area dei Fori Imperiali nel corso del Novecento (dall’unificazione d’Italia ad oggi). Infatti, questo secolo specifico, risulta fondamentale per comprendere l’assetto e l’identità odierna dell’area. L’analisi, spesso, allarga la veduta relazionando i progetti all’intera area e alla scala urbana. Tali relazioni risultano necessarie poiché le soluzioni adottate, a partire da Roma Capitale, inquadrano il problema su due scale di disegno diverse: una locale (il Parco Archeologico), l’altra di gestione e pianificazione della città (l’assetto sud- occidentale di Roma). Questa prima parte, ha l’obbiettivo di comprendere, inquadrare, confrontare le trasformazioni subite dal luogo e come queste hanno influito e influiscano sull’area archeologica e la città. Vengono presentati anche, alcuni dei progetti non realizzati, poiché si ritiene abbiano lasciato un’impronta riconoscibile nelle successive scelte. Lo spazio viene indagato dal punto di vista morfologico, visuale e sociale; sottolineando per ogni progetto alcuni caratteri: • Flussi e percorsi (Tessuto viabilistico e connessioni con la città) • Emergenze architettoniche (punti di riferimento nel paesaggio urbano). • Limiti (spaziali o sensoriali dell’area che determinano la percezione del luogo). • Spazi aperti/chiusi (dimensione e uso dei luoghi). • Dimensione e caratteri dell’abitato. In fine, i progetti, vengono ricondotti a dei “segmenti temporali”, ognuno dei quali è caratterizzato da un equilibrio proprio, ossia contiene un progetto o un certo numero di progetti nati da una visione culturale o politica ritenuta continua. Questi segmenti vengono rappresentati con diverse planimetrie in cui i progetti si sovrappongono, come se stratificati, suggerendo un confronto tra le trasformazioni 1 avvenute e non. La seconda parte, sulla base delle conoscenze acquisite, analizza lo stato di fatto in 2 modo sintetico, identificando aspetti e funzioni delle tre principali stratificazioni: • Tessuto antico. 1 Capitolo 2, Tavole analisi.”Trasformazioni e progetti” e”Caratteri e configurazioni”. 2 Capitolo 3, paragrafo 1; Tavole analisi “Tessuti”. 7

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Architettura

Autore: Giulio Testori Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1100 click dal 22/02/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile solo in CD-ROM.