Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppo e diffusione dei sistemi ERP nelle piccole e medie imprese. La proposta di Alfacon S.p.A.

In questa tesi si è cercato di riflettere sulle possibili cause attribuibili a quello che si potrebbe definire il “mancato incontro” tra PMI e sistemi PMI da una parte e sistemi ERP da un’altra (n.d.r. secondo i dati raccolti fino al 2003), attraverso un’analisi “duale” volta a mettere in luce tanto i limiti del sistema della domanda quanto quelli del sistema dell’offerta.
Se da un lato si è ritenuto utile analizzare alcuni dati sulla diffusione degli strumenti ICT, in particolare degli ERP, ed evidenziare quindi le principali difficoltà che, in linea teorica, le PMI incontrano nei processi di innovazione tecnologica, da un altro si è cercato di capire se ed in quale misura l’offerta di sistemi ERP stia registrando una maggiore propensione verso questa parte del mercato attraverso la proposta di soluzioni che tengano conto delle sue esigenze specifiche, legate alle modalità di gestione del coordinamento interno e soprattutto delle relazioni interaziendali.
Da un’analisi di sintesi si è quindi cercato di delineare, attraverso vari contributi, un quadro “normativo” per una convergenza sostenibile, tanto dal lato dell’offerta quanto da quella della domanda. Nel quadro prospettico delineato si sono considerate possibili azioni risolutive (estendibili anche alla categoria generale dell’ICT), partendo da quelli che sembrano rappresentare il primo vero “scoglio” nel rapporto (o meglio non-rapporto) tra PMI e sistemi ERP: la refrattarietà all’adozione da parte delle PMI e la non adeguatezza dell’offerta di soluzioni tecnologiche.
Si tratta di problematiche che inibiscono, per tutta una serie di motivi considerati, l’avvio di processi innovativi e che coinvolgono di riflesso l’eterno problema “interno” al rapporto tra sistemi ERP ed imprese in genere: la problematica dell’implementazione e del conseguente cambiamento organizzativo.
Di conseguenza, in questo quadro non si è potuto non considerare anche l’aspetto “implementazione”, riflettendo sulla reale possibilità e sull’opportunità di proporre, da parte dei fornitori e delle società di consulenza informatica, un approccio a misura delle PMI, che superi, per quanto possibile, il concetto di pacchetto standard, preconfigurato ed elaborato sulla base di modelli di business astratti per arrivare alla valutazione della fattibilità e della reale convenienza di un software “adattato” ai diversi contesti d’uso.
Affinché si possa realizzare una qualche convergenza è ritenuto utile che i produttori di gestionali compiano un effettivo sforzo di declinazione delle soluzioni rivolte specificatamente alle PMI, attraverso contenuti applicativi e opzioni tecnologiche studiati per le loro peculiarità organizzative, sforzo che va ben oltre la semplice enunciazione propositiva nel contesto di campagne di marketing dirette ad incentivarne l’adozione.
I diversi elementi emersi in quest’analisi sono poi stati rivisti nel contesto di un caso aziendale riguardante l’attività di una società informatica che sviluppa e distribuisce un sistema ERP di ultima generazione (Extended Erp).
Senza voler essere in alcun modo esaustiva, quest’ultima analisi ha voluto mettere in luce alcune delle tendenze più attuali dell’offerta di sistemi ERP e alcune possibili scelte progettuali, applicative ed implementative orientate al mercato delle PMI.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 In questa tesi si è cercato di riflettere sulle possibili cause attribuibili a quello che si potrebbe definire il “mancato incontro” tra PMI e sistemi PMI da una parte e sistemi ERP da un’altra (n.d.r. secondo i dati raccolti fino al 2003), attraverso un’analisi “duale” volta a mettere in luce tanto i limiti del sistema della domanda quanto quelli del sistema dell’offerta. Se da un lato si è ritenuto utile analizzare alcuni dati sulla diffusione degli strumenti ICT, in particolare degli ERP, ed evidenziare quindi le principali difficoltà che, in linea teorica, le PMI incontrano nei processi di innovazione tecnologica, da un altro si è cercato di capire se ed in quale misura l’offerta di sistemi ERP stia registrando una maggiore propensione verso questa parte del mercato attraverso la proposta di soluzioni che tengano conto delle sue esigenze specifiche, legate alle modalità di gestione del coordinamento interno e soprattutto delle relazioni interaziendali. Da un’analisi di sintesi si è quindi cercato di delineare, attraverso vari contributi, un quadro “normativo” per una convergenza sostenibile, tanto dal lato dell’offerta quanto da quella della domanda. Nel quadro prospettico delineato si sono considerate possibili azioni risolutive (estendibili anche alla categoria generale dell’ICT), partendo da quelli che sembrano rappresentare il primo vero “scoglio” nel rapporto (o meglio non-rapporto) tra PMI e sistemi ERP: la refrattarietà all’adozione da parte delle PMI e la non adeguatezza dell’offerta di soluzioni tecnologiche. Si tratta di problematiche che inibiscono, per tutta una serie di motivi considerati, l’avvio di processi innovativi e che coinvolgono di riflesso l’eterno problema “interno” al rapporto tra sistemi ERP ed imprese in genere: la problematica dell’implementazione e del conseguente cambiamento organizzativo. Di conseguenza, in questo quadro non si è potuto non considerare anche l’aspetto “implementazione”, riflettendo sulla reale possibilità e sull’opportunità di proporre, da parte dei fornitori e delle società di consulenza informatica, un approccio a misura delle PMI, che superi, per quanto possibile, il concetto di pacchetto standard, preconfigurato ed elaborato sulla base di modelli di business astratti per arrivare alla valutazione della fattibilità e della reale convenienza di un software “adattato” ai diversi contesti d’uso. Affinché si possa realizzare una qualche convergenza è ritenuto utile che i produttori di gestionali compiano un effettivo sforzo di declinazione delle soluzioni rivolte specificatamente alle PMI, attraverso contenuti applicativi e opzioni tecnologiche studiati per le loro peculiarità organizzative, sforzo che va ben oltre la semplice enunciazione propositiva nel contesto di campagne di marketing dirette ad incentivarne l’adozione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Selena Fadi Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4537 click dal 14/02/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.