Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili giridici e standard tecnologici dell'impresa virtuale

Analisi degli aspetti tecnici della costruzione di una impresa virtuale (sistemi di elaborazione delle transazioni: TPS;sistemi informativi per la gestione della conoscenza: KWS; sistemi per l’ufficio: OAS; sistemi di gestione delle informazioni: MIS; sistemi di supporto alle decisioni: DSS; sistemi di supporto all’attività di direzione: ESS), considerando le tecnologie di integrazione virtuale tra sistemi(EDI, XML, ebXML, Web Service);
Esame degli istituti giuridici applicabili al fenomeno impresa virtuale, valutazione delle problematiche giuridiche legate al carattere virtuale di dette imprese(L’identità e la nazionalità dell'impresa virtuale;Contrattazione con terzi parti; Diritti di proprietà intellettuale ed industriale;Protezione di dati) e proposte di classificazione di tali problematiche giuridiche (ruolo del broker, accordo quadro di organizzazione virtuale, risoluzione dei conflitti). Un esempio pratico: interoperabilità ed integrazione di filiere produttive nel settore Tessile Abbigliamento.


Mostra/Nascondi contenuto.
6 1.1 Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione: una rivoluzione industriale La rivoluzione della conoscenza e dell’informazione è iniziata con il sorgere del XX secolo ed è in costante crescita. Numerosi osservatori (1) , dopo aver definito il fenomeno come new economy, hanno parlato di vera e propria rivoluzione industriale. Secondo la terminologia di Freeman (2) , le rivoluzioni industriali sono caratterizzate da precisi “paradigmi tecno-economici“. La nozione di paradigma tecnologico fa riferimento a un sistema di conoscenze, di pratiche, collegato con date strutture tecnologiche, ergo, l’informazione e la tecnologia sono considerate le risorse strategiche di questo nuovo paradigma tecnologico. Le ICT ( Information and Communication Technology) entrano nel controllo e nel coordinamento di tutti i processi dell’attività economico-sociale e comportano la caduta dei costi di coordinamento, il che rende possibile legare attività separate nel tempo e nello spazio. L’impresa tende a dividersi in tanti nuclei più o meno autonomi, tenuti insieme attraverso il coordinamento e la comunicazione. Organizzazioni più flessibili e meno ripetitive di quelle tradizionali sollecitano forme di coordinamento meno affidate a procedure di standardizzazione delle mansioni e programmazione del lavoro. Ciò intensifica notevolmente interazioni e scambi di informazioni, pareri e direttive. L’utilizzo delle ICT nelle imprese, insieme ad una significativa __________ (1) Si rinvia, tra gli altri, a Black e Lynch, 2000; Browne, Fagan e Gomez Salvador, 2000; Jorgenson e Stiroh, 2000; Schivardi e Trento, 2001. (2) Freeman C., The economics of Industrial Innovation, ed. II, Pinter, Londra, 1982.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniela Pia Capodilupo Contatta »

Composta da 146 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 690 click dal 12/02/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.