Skip to content

La tipizzazione dei bilanci. Modelli ed esperienze.

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Ronca
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Valerio Antonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

I problemi del bilancio, specie del bilancio ordinario di esercizio sono stati e sono tuttora ampiamente trattati da studiosi delle discipline aziendali e commercialistiche. Su queste tematiche si è formata un’abbondante ed interessante letteratura con riferimento però all’impresa come tipo “generale” di azienda di produzione. Ciò non è accaduto per quel che riguarda le problematiche di bilancio delle imprese che svolgono particolari attività. Tali imprese afferiscono oltre che ai settori tradizionalmente considerati particolari (bancario, assicurativo e finanziario) a settori produttivi specifici, quali l’elettrico, l’editoriale, il calcistico, delle telecomunicazioni e così via. La specificità dei summenzionati settori produttivi trova formale riconoscimento da parte del legislatore del vigente Codice Civile in tema di normativa contabile e di bilancio. In particolare all’articolo 2423 ter del nostro Codice Civile si legge “salve le disposizioni di leggi speciali per le società che esercitano particolari attività….”. Tale circostanza determina delle problematiche che si riflettono sulle strutture di rappresentazione dei fenomeni e dei valori che hanno contraddistinto l’attività d’azienda. Con l’introduzione del vigente Codice Civile nel nostro ordinamento giuridico, le uniche imprese tenute alla presentazione del bilancio in schemi-tipo erano le imprese esercenti l’assicurazione.
Successivamente con la legge 4 marzo1958, n. 195, novellata poi dalla legge 11 luglio1966, n. 50, si è provveduto ad introdurre modelli obbligatori di bilancio per le imprese di produzione e distribuzione di energia elettrica. Per inciso tali modelli sono stati imposti all’ENEL in forza dell’art. 1, della legge 6 dicembre 1962, n. 1643 che ha provveduto ad istituire l’ente medesimo.
Assoggettate all’obbligo di uno schema tipo di bilancio erano anche le testate dei giornali quotidiani e periodici per effetto dell’emanazione della legge 6 giugno 1975, n. 172. Tali modelli sono stati poi introdotti con D.P.C.M. 3 giugno 1978. Infine, in forza dell’art. 24, quarto comma della legge 5 agosto1978, n. 468, è stato emanato il D.M. 4 febbraio 1980 con il quale si è stabilito il bilancio-tipo delle aziende di servizi dipendenti dagli enti territoriali (Province, Comuni e Regioni). Pertanto fino al 1980 le aziende tenute ad esporre la situazione patrimoniale e a dare conto delle loro risultanze di esercizio in modelli di bilancio tipo, tra quelle trattate in questo lavoro, erano: le aziende elettriche, le aziende editrici di giornali quotidiani e/o periodici (distintamente per ogni singola testata) e le aziende di servizi municipalizzate e provincializzate o regionalizzate.
La più recente fase di tipizzazione dei bilanci di imprese svolgenti particolari attività risale al momento in cui è stato recepito nel nostro ordinamento il bilancio c.d. europeo, avvenuto con il D.Lgs. 9 aprile 1991, n 127.
Dopo l’introduzione degli schemi di bilancio di derivazione europea, sembra che le cose stiano cambiando in fatto di strutture obbligatorie di bilancio, vale a dire che gli interventi successivi al 1991 hanno chiaramente mostrato l’affermarsi di una nuova tendenza ovvero il ricorso sempre più frequente al contenuto degli artt. 2424 e 2425 cod. civ. In definitiva i settori interessati dalla tipizzazione dei bilanci sono: settore calcistico, ospedaliero, elettrico, televisivo e dei sevizi pubblici locali. Dopo una breve disamina di detti settori, all’interno della tesi “la tipizzazione dei bilanci. Modelli ed esperienze” si passa ad una rappresentazione di quelli che sono gli “schemi tipo”, ed all’evidenziazione delle differenze rispetto ai prospetti civilistici. Infine, si rileva che il processo di tipizzazione, può essere scomposto in due grandi fasi, la cui linea di demarcazione è rappresentata dal noto D.Lgs. 9 aprile 1991, n. 127 con il quale si è recepito il bilancio di derivazione europea. Gli interventi legislativi successivi a tale decreto, si sono dimostrati rivolti ad “avvicinare” gli schemi tipo agli schemi previsti dagli artt. 2424 e 2425 del Codice Civile, anche attraverso ampi richiami alla disciplina codicistica. Ciò potrebbe indurre a pensare che la tipizzazione che ha coinvolto i settori diversi da quello assicurativo, bancario e finanziario si sia conclusa in un “nulla di fatto”, in realtà si tratta, come un’autorevole dottrina sostiene, di un “generale” processo di tipizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE I problemi del bilancio, specie del bilancio ordinario di esercizio sono stati e sono tuttora ampiamente trattati da studiosi delle discipline aziendali e commercialistiche. Su queste tematiche si è formata un’abbondante ed interessante letteratura con riferimento però all’impresa come tipo “generale” di azienda di produzione. Ciò non è accaduto per quel che riguarda le problematiche di bilancio delle imprese che svolgono particolari attività. Tali imprese afferiscono oltre che ai settori che tradizionalmente vengono considerati particolari (bancario, assicurativo e finanziario) a settori produttivi specifici, quali l’elettrico, l’editoriale, il calcistico, delle telecomunicazioni e così via. La specificità dei summenzionati settori produttivi trova formale riconoscimento da parte del legislatore del vigente Codice Civile in tema di normativa contabile e di bilancio. In particolare all’articolo 2423 ter del nostro Codice Civile si legge “salve le disposizioni di leggi speciali per le società

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

a.c. milan s.p.a.
asl e op
azienda
bilanci
bilanci di settore
bilancio
bilancio tipo
capitalizzazione costi vivaio
codice civile
d. lgs.
diritti pluriennali alle prestazioni dei calciator
macroclassi
prospetti
radiodiffusione
rai s.p.a.
schemi di bilancio
schemi tipo di bilancio
settore sanitario
società di calcio
telecomunicazioni
tipizzazione
tipizzazione dei bilanci
voci di bilancio
voci tipiche di bilancio

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi