Skip to content

Inflazione e costo della vita: una questione di prospettiva

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Rotanzi
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in economia politica
Anno: 2008
Docente/Relatore: Alvaro Cencini
Istituito da: Università della Svizzera italiana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 61

Studi empirici condotti negli Stati Uniti durante gli anni Novanta dimostrano che l’Indice dei Prezzi al Consumo sovrastima l’aumento del costo della vita in media di 1.1 punti percentuali ogni anno. Quale risultato, nel mondo, molti Paesi stanno raffinando, per mezzo degli strumenti tecnici e statistici più moderni, il proprio Indice dei Prezzi al Consumo, al fine di disporre di una stima dell’evoluzione dei prezzi il più possibile veritiera e funzionale alle decisioni di politica economica.
Parallelamente, recenti sviluppi della teoria macroeconomica confutano con rigore la coincidenza tra aumento del costo della vita e inflazione. In tal senso, essi smentiscono l’idoneità dell’Indice dei Prezzi al Consumo (sia nella sua implementazione pre Rapporto Boskin sia nella sua implementazione più evoluta come Indice del Costo della Vita) quale stimatore del tasso di inflazione.
Questa tesi di Master si propone un duplice obiettivo. Primo, approfondire singolarmente i limiti che ancora oggi pregiudicano la capacità dell’Indice dei Prezzi al Consumo di produrre una misura precisa dell’aumento del costo della vita. Secondo, fare chiarezza sulla vera natura dell’inflazione e presentare un indice alternativo in grado, almeno teoricamente, di fornire una stima di questa patologia della moneta.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2. Analisi concettuale Come preannunciato, in questo secondo capitolo interverremo con precisione chirurgica sulla definizione canonica di inflazione, recidendo l’appendice microeconomica per conservare e valorizzare quella macroeconomica. Nello specifico, cercheremo di capire perché sia necessa- rio discriminare l’aumento dei prezzi dalla perdita del potere d’acquisto della moneta. Sebbene una prima analisi tenda ad assimilare in un unico fenomeno le due metà della de- finizione canonica di inflazione – in quanto è abbastanza intuitivo concludere che a fronte di un aumento del livello dei prezzi si produca automaticamente una diminuzione del potere d’acquisto della valuta nazionale – essa è fuorviante, siccome identifica un fenomeno macroe- conomico (a diffusione generale) come l’inflazione con un fenomeno microeconomico (a dif- fusione particolare) come il rincaro (misurato dall’IPC). Infatti, per sua stessa costruzione, l’Indice dei Prezzi al Consumo è tendenzialmente un Indice del Costo della Vita (ICV), 1 una fotografia numerica ponderata per i gusti e le abitudini degli agenti economici in un determi- nato momento storico, la quale, oltre a non essere esaustiva siccome considera solo talune merci, non fornisce alcuna informazione sul rapporto tra moneta e prodotto nazionale, che, come vedremo, è essenziale per valutare l’eventuale svilimento dell’unità monetaria. Pertanto, se è nostra intenzione comprendere a fondo l’inflazione, dobbiamo anzitutto prendere co- scienza della forza perniciosa e immensa di cui essa è depositaria, una forza che si spande sull’insieme dei mercati e non soltanto su alcuni di essi. 2 Ciò porta a distinguerla in maniera netta dall’aumento dei prezzi, il quale semmai ne è la conseguenza ma giammai la causa. In realtà si riscontrano delle situazioni in cui i prezzi rimangono stabili (o addirittura diminui- scono) nonostante la presenza di inflazione, e delle situazioni in cui l’aumento dei prezzi non è affatto di natura inflazionistica. Un’esemplificazione dell’uno e dell’altro caso può essere utile. Caso 1: prezzi stabili (o in diminuzione) nonostante la presenza di inflazione In generale, si è unanimi nell’affermare che il progresso tecnico consente l’aumento della produttività e la riduzione dei costi unitari di produzione, permettendo così alle aziende di ri- durre i prezzi di vendita senza intaccare il loro margine di profitto. Pertanto, qualora si assi- 1 Torneremo sulle differenze tra IPC e ICV (in inglese ‘COLI’ = ‘Cost of Living Index’) nella sezione 2.5.  2 ‘[The] analysis of the inflationary process must involve the study of the whole economic system and not just of one or two markets in isolation’ (Laidler e Parkin, 1975, p. 796). 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

col
coli
costo della vita
cpi
indice dei prezzi al consumo
indice del costo della vita
indice inflazione
indici
inflation
inflazione
ipc
misura inflazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi