Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Progetti finanziari per la realizzazione e gestione delle opere pubbliche

il lavoro si occupa della costruzione e gestione di opere pubbliche, con i relativi finanziamenti

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La crisi della Finanza Pubblica, il rispetto dei parametri di spesa sanciti dal Trattato di Maastricht, il recupero di efficienza nel funzionamento della Pubblica Amministrazione, sono solo alcuni dei motivi di maggiore interesse per valutare il fenomeno del Partenariato Pubblico Privato (PPP). Tutti questi motivi, infatti, contrastano con l’esigenza dello Stato di dotarsi delle Infrastrutture necessarie a sostenere lo sviluppo economico dell’intero sistema Paese. Quindi, questi due imprescindibili punti di vista sono in chiaro contrasto tra loro, ed è per questo che, nell’ambito del funzionamento della Pubblica Amministrazione, ha preso sempre più piede il fenomeno del PPP. Questo fenomeno riguarda la realizzazione di Opere Pubbliche o di Pubblica Utilità “ senza costi per la Pubblica Amministrazione”, grazie all’apporto di capitali privati per la loro realizzazione. Naturalmente il vantaggio non dipende solo dall’apporto del capitale ma, i privati apportano anche la loro capacità logistica-organizzativa, tipica delle imprese private, al settore pubblico. Nell’esaminare il fenomeno del PPP un elemento da tenere sempre presente è dato dal fatto che queste opere sono comunque destinate a un uso pubblico, quindi spetta alle Pubbliche Amministrazioni costruire un quadro normativo di riferimento che tuteli entrambe le parti e cioè, sia il privato che apporterà i capitali sia il privato terzo utilizzatore dell’opera. Indubbiamente siamo di fronte ad un cambio della visione della Pubblica Amministrazione che passa da quello attivo, infatti, in passato doveva provvedere in prima persona ai bisogni collettivi, a un ruolo più di controllo, limitandosi a delineare i diritti-doveri che spettano ai privati in modo tale da spingerli ad investire in questo nuovo settore. L’ultimo spunto critico è rappresentato dal ruolo della Commissione Europea stretta tra l’esigenza di tutela e integrazione del Mercato Unico e la necessità di adattare il PPP alle varie e diverse situazioni nazionali, in modo da sfruttarlo al massimo.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Bernardo D'angella Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 833 click dal 28/02/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.