Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Guerrilla Marketing: Come comunicare con il consumatore post-moderno

Lo scopo di questo lavoro è di fornire un quadro, quanto più esaustivo possibile, di questa nuova forma di marketing moderno, evidenziando i fattori che hanno condotto alla sua teorizzazione e sperimentazione, i concetti teorici su cui si fonda, le modalità applicative, le implicazioni sia per il consumatore che per il management. Dopo una completa analisi prettamente teorica, si punterà l’attenzione su delle case history, cercando di distinguerle in base alla corretta, o meno, implementazione: distinguendole, così, in campagne di guerrilla marketing ad hoc (ovvero campagne ben strutturate tenendo conto dei giusti passaggi da percorrere per la loro realizzazione e soprattutto considerando l’interazione tra il piano politico e quello militare che porta alla creazione della campagna) e in campagne di pubblicità divertente/creativa (ovvero quelle campagne che rubano un sorriso, ma che non hanno le caratteristiche di una campagna di guerrilla marketing, perché prive del carattere di entertainment).

Mostra/Nascondi contenuto.
Pagina 4 di 52   INTRODUZIONE Alcuni studiosi ritengono sia in atto, da decenni ormai, un processo di transizione dalla società moderna ad una società postmoderna che manifesta, rispetto alla precedente, notevoli elementi di discontinuità: ai principi deterministici e statici della società moderna, vengono opposti i principi dell’irregolarità, della mutabilità e del caos. A dispetto di come, apparentemente, potrebbe sembrare, la società oramai entrata in questo nuovo paradigma, non è affatto superficiale, vacua ed opportunista. È proprio in questo scenario che si creano le basi per nuovi legami, nuove forme di tribalità e, con essa, anche nuove regole che connettono i nostri comportamenti. Ed in un siffatto scenario il sistema impresa sta incontrando sempre più difficoltà nell’attirare l’attenzione dei consumatori e conquistarne la stima. I mercati sono sempre più iper-frammentati e i consumatori sempre più disinteressati e scettici nei confronti della comunicazione d’impresa. Tali motivi stanno portando sempre più imprese e agenzie di comunicazione a ridefinire “creativamente” i propri metodi, allontanandosi dagli schemi rigidi del marketing di massa. Altro problema è quello concernente la saturazione pubblicitaria: “La pubblicità, un tempo, il sistema più efficace per costruire una marca e il propulsore per l’immissione sul mercato di nuovi prodotti, viene ora minacciata dal suo stesso sviluppo, poiché la proliferazione dei messaggi pubblicitari comporta una minore attenzione da parte del pubblico” (P. Kotler). Tale saturazione è causata, anche, dalla maggior selettività e indifferenza del consumatore odierno, che rende arduo alle imprese l’obiettivo di conquistarsi uno spazio nella sua mente. Il marketing, dunque, deve aiutare le imprese in questa situazione di difficoltà. L’unica via per avere successo sembra essere quella di sperimentare nuove forme di comunicazione e

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Emanuele Vella Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5368 click dal 22/02/2008.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.